A quanto pare c’è chi ha risolto il comune problema di non riuscire a trovare la taglia perfetta, almeno per quanto riguarda magliette e t-shirt. Dalla Spagna è in arrivo, infatti, l’originale capo di abbigliamento che, più che cucito addosso, è letteralmente spruzzato sulla pelle.

L’ideatore è il designer Manel Torres, collaboratore della Fabrican Ldt e da anni alla ricerca di un tessuto malleabile e innovativo insieme al professor Paul Luckham dell’Imperial College di Londra. Il tessuto è a base di fibre di cotone, polimeri e solventi; si applica sul corpo attraverso una sorta di pistola che spruzza il composto direttamente sulla cute.

Il risultato è davvero eccezionale, basti pensare che sono sufficienti quindici minuti per ottenere un effetto straordinario. La patina che si crea sul corpo si solidifica all’istante, dopodiché la maglia può essere tolta, lavata e indossata ancora. Questo curioso vestito, che può assumere qualunque colore, taglio e anche profumazione, offre anche la possibilità di essere disciolto per poi riutilizzare le fibre in un’altra creazione.

Volevo realizzare un materiale futuristico, senza cuciture, veloce e confortevole, che mi permettesse di creare abiti all’istante e a poco prezzo e che garantissero una perfetta vestibilità. E così, per dimostrare che scienza e tecnologia possono davvero aiutare gli stilisti di moda, sono finito per tornare ai principi dei primi tessuti come il feltro, che erano prodotti prendendo le singole fibre e cercando di legarle insieme, senza punti o cuciture.

L’unico neo di questa t-shirt spray, che sarà nei negozi non prima di un paio d’anni, è l’odore poco gradevole dei solventi. Nel frattempo arriveranno anche pantaloni e biancheria intima realizzati con questo tessuto, che promette di rivoluzionare anche il settore farmaceutico e l’arredamento, oltre che la moda.

Ecco tutte le fasi di lavorazione della Spray-On Fabric, pubblicate sul sito Repubblica.it.