I dati Auditel confermano il giudizio negativo della Rete: “Star Academy”, il talent show di Rai 2 nato dalle ceneri di “X-Factor” e “Operazione Trionfo”, non convince affatto il pubblico, attestandosi solo al 6,41% di share con poco meno di 1,5 milioni di telespettatori.

Un dato decisamente esiguo rispetto al già citato “X-Factor”, spesso criticato da Rai per ascolti non sempre brillanti. Eppure la dipartita del format in favore di SKY, cambio di rete nemmeno ostacolato da Viale Mazzini, si è rivelata un passo falso per la TV di Stato.

Galleria di immagini: Star Academy, i concorrenti

Sarà forse la formula non originale del programma, la confusione delle performance corali, l’audio a casa di scarsa qualità e la scelta di canzoni ormai trite e ritrite, ma la prima del talent di Francesco Facchinetti non convince, soprattutto in quel giovedì sempre campione d’ascolti e di incassi grazie ad “{#Annozero}”. E chissà che Rai ora non rimpianga la cacciata di Michele Santoro, un giornalista d’oro in termini di ascolti.

La concorrenza è stata comunque forte, perché sulle frequenze di Canale 5 è andato in onda “Io Canto” con Gerry Scotti, programma che può contare su un nutrito gruppo di appassionati, mentre su quelle di Rai 1 “Don Matteo”, altra fiction che non ha bisogno di presentazioni. Ma i competitor non sono di per sé sufficienti a spiegare lo share di un programma da cui ci si aspettava risultati migliori.

Non è dato sapere se il futuro di “Star Academy” sia in forse, ma sicuramente si può ipotizzare qualche cambiamento in itinere per recuperare ascolti o lo spostamento in altri giorni della settimana, considerato come da ottobre al giovedì vi sarà anche la concorrenza diretta proprio di “X-Factor“. E, nonostante la trasmissione sia passata su un’emittente che fisiologicamente ha un bacino di ascolti più ristretto, ovvero gli abbonati SKY, a giudicare dall’entusiasmo della Rete per i promo già diramati, non è affatto difficile ipotizzare chi sarà il vincitore di questo confronto.

Fonte: TGCom.