Il 25 novembre, in occasione della campagna annuale White Ribbon for Women, Stella McCartney per l’eliminazione della violenza contro le donne ha ideato un badge in serie limitata.

Galleria di immagini: Stella McCartney contro la violenza sulle donne: i vip

Dal 21 al 28 novembre, 125.000 badges White Ribbon for Women saranno distribuiti in 41 Paesi e offerti ai clienti delle 9 Maisons del Lusso del gruppo Kering: Gucci, Alexander McQueen, Balenciaga, Brioni, Stella McCartney, Boucheron, Dodo, Pomellato e Qeelin.

Nel frattempo, fino al 28 novembre, la Kering Foundation ha lanciato #BeHerVoice, una campagna social media di sensibilizzazione per la lotta contro la violenza sulle donne.

Il White Ribbon è il simbolo riconosciuto a livello internazionale della campagna contro la violenza sulle donne, iniziata nei primi anni Novanta.

Fondata nel 2009 da François-Henri Pinault, CEO e Chairman di Kering, la Kering Foundation combatte ogni anno la violenza contro le donne tentando di coniugare i suoi sforzi con quelli dei governi e delle altre organizzazioni impegnate per la causa.

Nel mondo, una donna su tre è vittima di violenze, di abusi sessuali e di soprusi. Qualche altro dato? Nel Regno Unito, ogni anno una donna su cinque è costretta a prendere un’aspettativa per aver subito violenze domestiche. Negli Stati Uniti, sono più di 20.000 le ragazze al di sotto dei 15 anni a rischio di mutilazione genitale. Una donna su cinque viene violentata nel corso del proprio periodo di studi universitari.

Non migliora la situazione in Italia. Secondo l’Istat, nel 2014, sono 6 milioni 788 mila le donne che hanno subìto nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale, il 31,5% delle donne tra i 16 e i 70 anni: il 20,2% ha subìto violenza fisica, il 21% violenza sessuale, il 5,4% forme più gravi di violenza sessuale come stupri e tentati stupri. Sono 652 mila le donne che hanno subìto stupri e 746 mila le vittime di tentati stupri.