La sontuosa sala dell’Opéra Garnier di Parigi, che qualche giorno fa ha accolto la trionfale sfilata di Olivier Rousteing per Balmain, ha visto questa mattina la collezione Stella McCartney primavera estate 2018, in occasione della Paris Fashion Week.

Niente di più distante delle due proposte: il giovane francese tutto dettagli e lusso, la stilista britannica minimal e votata al comfort, che sempre più trova nel riciclo e nel rispetto per l’ambiente la sua ragion d’essere. Nessuno guizzo particolare, poche uscite inattese: la collezione di Stella McCartney è un susseguirsi di outfit ormai distintivi del suo brand, dai tailleur pantaloni alle jumpsuit, dalle maglie monospalla ai giacconi sportivi.

Interessanti i completi in denim slavato, nelle tinte del verde, rosa e azzurro fluo, gilet compresi, i giacconi oversize, i coprispalla con coulisse e tagli visti in sfilata. Scollature profonde, ruches e maniche a palloncino rendono più femminile e ricercata una sfilata altrimenti tutta t-shirt e tagli lineari. Qualche frangia e coulisse sono i dettagli disseminati qua e là. Comodi e pronti per affrontare le giornate più calde i maxi dress  instampe africane con vivaci motivi che ritraggono ventilatori, microfoni e fiori stampati da Vlisco, produttore specializzato in tessuti wax in cotone stampato dai colori intensi e dai tagli decisi. Belli i maxi pullover di cotone da indossare con gonne lunghe scampanate.

Ai piedi si alternano sandali platform, décolleté accollate con tacco alto e ruches, summer boot morbidi; scarpe a punta e tacchi comodi sono i tratti distintivi di quasi tutte le proposte.

Galleria di immagini: Stella McCartney primavera estate 2018, foto

Variegata la palette dei colori, che dal nero e blu scuro arriva al bianco, passando per il nocciola. A spezzare, arrivano il rosso corallo, il carta da zucchero, il verde prato: le sfumature della natura, insomma.

La strada del riciclo al 100% è ormai aperta per la McCartney (era suo, d’altronde, lo splendido abito a sirena verde bosco, realizzato con viscosa sostenibile ottenuta dalle foreste svedesi, indossato da Gisele Bündchen durante i Green Carpet Fashion Awards 2017 a Milano), anche se questa collezione primavera estate 2018 non può sicuramente essere ascritta come la sua più memorabile. Lodevole, tuttavia, il suo impegno in prima linea per l’eliminazione della violenza sulle donne, nella lotta contro il cancro al seno, per i diritti degli animali e per una moda sostenibile.