Questo l’obiettivo dell’Intesa fra Agenzia delle Entrate e DSU, mirato non solo a limitare gli affitti in nero nelle città universitarie, ma anche a diffondere fra gli studenti universitari la cultura della legalità.

La Direzione regionale della Toscana dell’Agenzia delle Entrate e l’Azienda regionale per il Diritto allo Studio Universitario hanno firmato un Protocollo d’Intesa per una stretta collaborazione fra le due istituzioni, allo scopo di promuovere campagne d’informazione mirate a contrastare il fenomeno sempre più dilagante degli affitti in nero e a stimolare gli studenti universitari ad un uso corretto delle dichiarazioni sostitutive per accedere a servizi sociali agevolati.

Obiettivo primario dell’Intesa, quindi, è quello di promuovere tra gli studenti degli Atenei toscani la cultura della legalità fiscale e abitativa e ridurre il fenomeno degli affitti in nero nelle città universitarie. In base all’accordo stipulato, l’Azienda DSU amplierà il campo dell’informazione sui rischi che comporta un mercato della locazione che non sempre rispetta le regole.

L’informazione è rivolta in particolare agli studenti universitari che provengono in genere da varie regioni d’Italia, che hanno il diritto di conoscere e il dovere di rispettare regole e adempimenti, quali ad esempio, gra gli altri, le sanzioni amministrative e penali previste nel caso di dichiarazioni non corrette o non vere per ottenere benefici quali la borsa di studio e il posto alloggio.

L’Agenzia delle Entrate intende istituire presso le proprie sedi di Firenze, Siena e Pisa, per gli studenti fuori sede, sportelli di assistenza per la registrazione di contratti di locazione e per gli adempimenti connessi. Gli sportelli saranno attivi per almeno due giorni la settimana e per un minimo di 5 mesi l’anno. I calendari e gli orari di apertura saranno definiti in sede territoriale tra l’Azienda DSU e l’Agenzia, che ne daranno notizia al momento della loro apertura.

L’Agenzia delle Entrate realizzerà anche iniziative di aggiornamento normativo per i suoi dipendenti, allo scopo di ampliare i servizi d’informazione anche per quanto riguarda eventuali semplificazioni nella verifica delle dichiarazioni sostitutive presentate dagli studenti al momento della richiesta di prestazioni sociali agevolate. L’accordo durerà fino al 31 dicembre 2013 e potrà essere rinnovato alla fine del periodo di prova.