Uno studio effettuato nel Regno Unito mostra che le donne tra i 25 e i 34 anni siano quelle che più soffrono di stress da lavoro, a causa soprattutto della difficoltà di conciliare la professione con la famiglia. I ricercatori hanno anche dimostrato che il cercare di fare carriera, la necessità di accudire ai figli, pagare la rata del mutuo e sforzarsi di mantenere una decente vita sociale sono tutti fattori di rischio stress.

I dati sono chiari: il 67% delle 2mila donne interpellate soffrono ogni settimana di stress da lavoro, con una media annuale che raggiunge le 208 volte. E con queste cifre, conciliare al meglio l’attività professionale con quella familiare risulta sempre più difficile.

Leggi => Lo stress da lavoro si misura con un test

E risulta difficile anche relazionarsi col proprio marito o fidanzato, visto che i due sessi tendono a preoccuparsi di cose diverse tra loro e ciascuno fa fatica a capire l’altro. Neil Smith, direttore della Stress Management Society ha detto che:

«Le donne si preoccupano più del bilancio familiare e delle bollette mentre gli uomini lo sono di più per il troppo lavoro e i debiti».

Il rimedio? Posto che lavorare di meno non si può, l’ideale è il relax ottenuto da un lato attraverso una dieta sana e l’esercizio fisico, dall’altro dal rigoroso stop ad alcol e tecnologia subito prima di andare a dormire, visto che «una bella dormita riduce i sintomi dello stress».

Lo studio britannico ha rilevato che fra le donne le maggiori cause di stress sono per il 39% il pagamento delle bollette, per il 30% sbrigare le faccende domestiche, per il 22% il riuscire a bilanciare lavoro e famiglia e per il 12% il prendere le giuste decisioni per i figli.

I risultati dello stress? Per il 43% dei rappresentanti del gentil sesso è la perdita di sonno, per un altro 43% l’abbandonarsi ai piaceri della tavola (con le ovvie conseguenze per la linea), per il 33% aumentare le liti con il proprio uomo, per il 28% sovralimentarsi mentre per un altro 16% (erano possibile risposte multiple) è iniziare a fumare o incrementare le sigarette.

Per cercare di combattere questa che può diventare una vera e propria patologia, il 46% delle donne si rifugia su Internet, il 41% si tuffa nella televisione e nei film, il 35% legge fotoromanzi, il 22% punta sulla “terapia” dello shopping e un altro 20% ritiene che chiacchierare con un’amica sia la soluzione migliore.

Fonte: The Sun