Lo stress è la principale causa di assenza dal lavoro per malattia: un’indagine inglese ha messo in evidenza come questo tipo di malessere sia ormai talmente diffuso da aver soppiantato altre problematiche lievi come il mal di schiena, l’emicrania, ma anche le patologie più gravi.

Dall’indagine è emerso che due lavoratori su cinque si assentano spesso dal posto di lavoro a causa dello stress, causato a sua volta da problemi inerenti l’ufficio, i colleghi, i capo. Lo studio condotto dal Chartered Institute of Personnel and Development, in collaborazione con Simplyhealth, parla chiaro e arriva perfino a ipotizzare che lo stress sia attualmente paragonabile alla peste nera di secoli fa.

Chi sono i lavoratori più colpiti dallo stress? A quanto pare il pubblico impiego non aiuta, anzi, e spesso anche coloro che si occupano di mestieri manuali si lamentano più dello stress che dei possibili traumi causati dallo sforzo fisico.

La causa di questa situazione, secondo i ricercatori, deve essere cercata anche nella crisi economica mondiale, come sottolinea il responsabile dell’istituto britannico Jill Miller.

«È la prima volta che lo stress diventa la prima causa di assenza per malattia, mettendo in evidenza l’aumento della pressione che molte persone sperimentano sul posto di lavoro come risultato della prolungata crisi economica.»

Per comprendere meglio le dinamiche dello stress in ufficio ci aiuta un’esperta di medicina del lavoro, Irene Figà-Talamanca, la quale mette in evidenza come le donne ne siano generalmente più colpite degli uomini, perché il sovraccarico di lavoro arriva anche dalla gestione della casa e della {#famiglia}. Quali sono i primi sintomi dello stress?

«Maggiore irritabilità, aggressività, insieme a disturbi del sonno, tachicardia e sudorazione sono sintomi comuni. Può accadere che si inizi a fumare o che chi aveva smesso ricominci, ma anche l’incremento del ricorso ai farmaci, come gli ansiolitici, per gestire lo stress, fa parte nella casistica tipica di questo quadro.»

Solo in alcuni casi, tuttavia, questi disturbi si trasformano in patologie più gravi che vanno dall’ulcera a reazioni allergiche pesanti. Molto peso hanno anche i rapporti con i colleghi, spesso conflittuali, come anche orari troppo pesanti. L’attuale insicurezza e la paura di perdere il lavoro, comune a moltissimi lavoratori, è spesso sufficiente a causare stress. Per tenerlo lontano e vivere serenamente, anche sul lavoro, bisognerebbe innanzitutto evitare di sobbarcarsi di eccessive mansioni, e sapere dire no quando necessario.

Fonte: DailyUk, Il Sole 24 Ore