Avere una vita infelice e piena di stress significa avere una vita più lunga. È una teoria, questa, che ribalta numerosi dibattiti su come prolungare le aspettative di vita: a quanto pare essere musoni ed eccessivamente impegnati porta ad essere più longevi. Altro che felicità, benessere e amore.

Ci sono voluti ben vent’anni di ricerca per arrivare a questa conclusione. La ricerca è infatti iniziata nel 1991 da Howard S. Friendman e Leslie R. Martin, ricercatori dell’Università della California di Riverside (Stati Uniti), ed è stata condotta su ben 1500 soggetti analizzati inizialmente addirittura nel 1921, ovvero quand’erano ancora bambini, dal team dell’Università di Stanford.

Galleria di immagini: Depressione

I due esperti hanno ricostruito la teoria dei ricercatori originari e hanno approfondito la questione con il nuovo studio, dimostrando che i partecipanti che da piccoli avevano un maggior senso dell’umorismo ed erano più allegri, avevano alla fine una vita più breve rispetto a quelli più seri e prudenti. Spiega R. Martin:

“i bambini più seri e prudenti hanno trascorso esistenze più sane e longeve. Probabilmente, ciò dipende dal fatto che un atteggiamento troppo ottimistico porta a sottovalutare i rischi per la salute e a mettere in atto comportamenti pericolosi”.

L’infelicità e la serietà sono dunque il segreto per una lunga vita? A quanto pare si: gli spensierati vivono meno, mentre quelli preoccupati maggiormente per la propria salute e pessimisti per quanto riguarda il proprio futuro, sono alla fine quelli più longevi. Più si scherza con la propria salute nel corso degli anni, più si vive a lungo.

Lo studio ha anche riscontrato che è vero che possedere un animale domestico può migliorare il benessere generale di una persona, ma di certo non ci rende più longevi. Anche lavorare aiuta a vivere di più, in quanto spesso fonte di stress, mentre essere sposate o divorziate non influisce sulla lunghezza della vita delle donne.

Ora la domanda da porsi è: quanto si è disposti a sacrificare la propria felicità, spensieratezza e benessere pur di campare qualche anno in più?