Insonnia e jet lag sono due dei più comuni disturbi del vivere quotidiano, ma la natura ci regala un valido aiuto nel combatterli: il succo di ciliegia. Si tratterebbe di una varietà di ciliegia aspra detta “Montmorency”, utilizzata come base per confetture e crostate e il succo andrebbe bevuto diluito in acqua e senza zucchero.

La mancanza di sonno o la difficoltà a dormire profondamente dipendono da molteplici fattori quali tra gli altri lo stress, le preoccupazioni, l’ansia e anche il jet lag, ovvero l’incapacità da parte del fisico ad abituarsi in breve tempo a differenti fusi orari. Tutto ciò si traduce in spossatezza, stanchezza fisica e mentale, sonnolenza diurna e borse sotto gli occhi. Ecco perché sono sempre di più le donne che ricorrono ai sonniferi per contrastare il problema. Oggi è stato scoperto un rimedio naturale al cento per cento: il succo di ciliegia.

Uno studio condotto presso la Northumbria University di Newcastle (UK) da un gruppo di ricercatori internazionali ha infatti evidenziato come le persone che per una settimana hanno assunto 30 ml di succo di ciliegia nel corso di una giornata, abbiano guadagnato ben 39 minuti in più di sonno in media, con un’efficienza complessiva del 6% in più.

La ricerca è stata effettuata mettendo a confronto due gruppi di volontari. Al primo gruppo è stato somministrato del succo di ciliegia Montmorency con acqua la mattina appena svegli e la sera prima di andare a dormire, agli altri solo succhi di frutta senza ciliegia. Gli appartenenti al primo gruppo hanno dormito circa 39 minuti in più e si sono sentiti molto più svegli ed efficienti per tutta la giornata.

I risultati dello studio, pubblicati sulla rivista “European Journal of Nutrition”, sarebbero da attribuire alla melatonina contenuta nel frutto della ciliegia. La melatonina è una sostanza molto conosciuta proprio da chi soffre di disturbi del sonno, infatti è un ormone prodotto da una ghiandola posta alla base del cervello, la ghiandola pineale (o epifisi) che agisce sull’ipotalamo e ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia.

La stessa sostanza agirebbe positivamente anche sugli effetti del jet lag e addirittura nella fase di recupero muscolare dopo un incidente o frattura.

Ancora una volta quindi la natura dimostra come ci sia uno stretto legame tra l’alimentazione e il benessere psicofisico dell’organismo, primo fra tutti il sonno. E soprattutto come gli alimenti contengano una molteplicità di elisir e rimedi naturali per quasi tutte le patologie, senza alcuna controindicazione.

Fonte: AGI.