Qualche giorno fa abbiamo pubblicato l’interessante intervista a MammaRisparmio mettendo in evidenza come la famiglia italiana abbia bisogno, specialmente in questo periodo storico, di aiuto, di qualcuno pronto a darci una mano, un po’ di supporto e qualche consiglio utile. Beh, non esistono solo le mamme: anche i papà si sono messi all’opera e, guidati dal Superpapà Silvio Petta, anche loro condividono esperienze e storie sul web.

Oggi vogliamo proprio parlarvi di Silvio e del suo blog, Superpapà, una community virtuale all’interno della quale i padri di tutta Italia si incontrano e si scambiano storie di vita, immagini coi propri figli e vogliono far sentire la loro voce, perché anche i papà sono importanti.

Ma conosciamo meglio Silvio Petta. Leonardo.it lo ha intervistato ed ecco cos’ha scoperto su di lui.

Chi è Silvio Petta e com’è nata l’idea del blog?

Sono un quarantenne appassionato d’informatica fin da quando ero bambino. A ventotto anni nacque il primo figlio, inaspettato ma, dentro di noi, tanto desiderato. Per me fu una svolta di vita, capii che era giunto il momento di darmi da fare sul serio! Dopo un anno e mezzo arrivò anche il fratellino e fu ancor più naturale per me affiancare mia moglie nella gestione quotidiana della prole. Navigando in rete mi accorsi della presenza massiccia di siti e blog dedicati all’essere mamma mentre, per noi papà, c’era ben poco. Allora mi è venuta la brillante idea di creare un sito, un blog, uno spazio per raccontare di noi papà. Mi sono circondato di ottimi collaboratori da ogni angolo d’Italia e la risposta del pubblico del web è stata senz’altro positiva. In poco tempo abbiamo invaso la rete sfruttando la potenza dei social: la nostra pagina Facebook, ricca di contenuti, conta oggi più di 252mila fans e non sono solo papà! Anche per tutelarci da possibili strumentalizzazioni, Superpapà è oggi un marchio registrato. Da pochi mesi siamo presenti anche su Twitter.

Qual è il tuo obiettivo?

E’ quello di creare una grande community di papà per far sentire la nostra voce. E, contando sulle nostre forze, ci stiamo riuscendo. La nostra missione consiste nel rivalutare il ruolo del padre, una figura poco considerata nei giorni nostri: il dramma dei papà separati ne è una prova. Vogliamo anche scuotere le coscienze di molti, vogliamo urlarlo ai quattro venti che essere padre, nonostante tutto, è sempre una gioia. A volte si intraprendono strade rischiose, sbagliate, si inseguono falsi miti: la ricchezza, il successo non ti renderanno mai felice quanto l’affetto di un figlio.

Quanto è importante la figura del papà?

Un papà può essere un bravo genitore tanto quanto una mamma; non è solo importante, è fondamentale per un figlio. Non mi sento di giudicare chi preferisce sottrarsi a questo genere di responsabilità, certe persone non sono proprio portate a fare il genitore. Piuttosto ammiro quelle donne che, da sole, portano a termine una gravidanza e, con mille sacrifici e soddisfazioni, crescono un figlio.

Alcuni grandi nomi noti hanno dato il loro contributo al tuo blog, vuoi ricordarne qualcuno in particolare?

Agli inizi del 2011 abbiamo fatto clamore in rete, mancava uno spazio dove i papà potessero interagire tra loro. Quando mi presentavo come Superpapà mi si spalancavano le porte. Fu così che per la Festa del Papà del 19 marzo 2011 riuscimmo a realizzare un video con le foto dei nostri lettori in compagnia dei loro figli, ottenendo l’autorizzazione per usare la stupenda canzone “Uomo Volante” di Marco Masini. Memorabile è anche la nostra intervista a Nek (di cui potrete vedere una foto esclusiva nella gallery in fondo all’articolo), che appoggiava appieno il nostro progetto. Abbiamo avuto dei contatti anche con Lorella Cuccarini, Francesco Facchinetti e alcuni cantanti rap. Sono sempre alla ricerca di VIP che possano darci una mano a farci conoscere da più persone possibili.

La percentuale dei tuoi lettori è prevalentemente maschile?

Ci sono anche molte donne, molte mamme tra i nostri lettori. Noi parliamo di paternità e il legame che si può creare tra un padre e una figlia è qualcosa d’inspiegabile, indissolubile.

Che riscontro hai da parte dei tuoi lettori?

Superpapà è molto seguito in rete: riceviamo molte dediche, riflessioni e ringraziamenti pubblici. A volte affrontiamo argomenti complessi: parliamo dell’educazione dei figli, di solidarietà, di omofobia, di bullismo e tanto altro. Inoltre molti dei papà amano condividere sul blog le immagini in cui cono ritratti coi loro neonati, siamo invasi da queste belle foto: diffondiamo in rete il lato tenero dei padri di famiglia!

Qual è la storia che ti ha colpito di più?

Ne ho più di una a dire il vero. Non posso non ricordare la storia di una coppia in crisi di Asti che, proprio grazie alle nostre pagine, si è ritrovata con la promessa di riprovarci. A settembre abbiamo lanciato un’iniziativa per la raccolta di beni materiali scolastici per un papà in difficoltà in Sardegna: un direttore di banca gli ha spedito due bei zaini da regalare ai suoi figli. Papà che aiutano papà, dal nord al sud Italia. E’ una cosa semplice ma riempie il cuore di soddisfazione. Infine, non posso non ricordare Alex e sua moglie. Abbiamo seguito gli sviluppi drammatici della malattia della loro principessa Iris. Papà Alex scrisse una bellissima lettera, impossibile non commuoversi.

Cosa ne pensi della famiglia di oggi? Qual è la tua concezione di famiglia?

Io sono cresciuto con l’idea della famiglia tradizionale e sono felice per quello che io e mia moglie abbiamo costruito, giorno dopo giorno, con molte difficoltà. Sono altresì convinto che al giorno d’oggi ci voglia più rispetto per tutti, che in ogni questione si debba mettere i figli al centro dell’attenzione. Viviamo per loro e sono loro che danno un senso alla nostra vita.

Avete in mente qualcosa di particolare per festeggiare il prossimo 19 marzo? Per voi è una data doppiamente speciale perché festeggerete il compleanno del blog e, al tempo stesso, la festa del papà.

In collaborazione con Galassia Arte Edizioni stiamo raccogliendo bellissime dediche per la festa del papà da personalizzare con la propria dedica e foto. Inoltre, caricheremo sul nostro canale Youtube alcuni video celebrativi giusto per non farci mancare nulla!

Dopo il restyling del sito quali saranno le novità del blog?

A breve riaprirà il blog di Superpapà che seguirò in prima persona mentre per la fanpage mi aiuta staff di papà in gamba, provenienti da tutta Italia. Uno dei più attivi è senz’altro Emiliano Cestola di Roma, che ci riserva sempre riflessioni e perle di saggezza sull’essere padre. A breve avremo nuovi ingressi nello staff, papà brillanti che si sono fatti notare per il loro talento: scrittori, blogger o semplici sognatori che, come me, credono fermamente nel ruolo del padre. Cito gli ultimi due arrivati: Marco Pettinà, autore de “Legati da una Separazione” di Galassia Arte Edizioni, e Andrea Melis del Colletivo Sabot, nonché autore della bellissima “Lettera di un Padre” che evidenzia il rispetto che gli uomini dovrebbero avere nei confronti delle donne.

Se volete seguire Silvio Petta potrete farlo visitando il suo blog, Superpapà, o sui suoi profili di Facebook e Twitter.

Ecco alcune immagini del blog e dei suoi utenti.

Galleria di immagini: Superpapà, la community dei papà