Il Sari è un abito tradizionale indiano, concepito per la prima volta intorno al 100 a.C. e sopravvissuto fino a oggi. Si tratta di un indumento che consiste in una fascia di un metro di larghezza, con lunghezza variabile tra i 5 e 8 metri, e che si può indossare in vari modi, di solito avvolto intorno alla vita.

Alla classicità e alla tradizione di questo costume è giunta finalmente l’ora di aggiungere un po’ di tecnologia: ecco quindi nascere Swaramadhuri.

Lo Swaramadhuri aggiunge alla tipicità del Sari otto speaker per iPod integrati lungo uno dei lati, in modo da connettersi a un lettore multimediale o collegarsi a un chip di memoria interfacciabile con varie periferiche e nascosto tra le trame del tessuto, così da ospitare ben 2GB di file musicali.

Potrete quindi circondarvi di una nuova aurea, decisamente molto intonata, ed esclusivamente alimentata dal vostro abito con un autonomia di ben quattro ore.

Lo Swaramadhuri è ovviamente prodotto in edizione limitata, anche perché occorrono almeno 30 giorni di lavoro a 20 braccia per realizzarne uno. Le ordinazioni sono possibili al momento solo presso un numero limitato di show room in Tamil Nadu, Kerala e Andhra Prades.

A questo simpatico prodotto si aggiungono anche altre due varianti dello stesso designer, una che comprende un Sari cosparso di LED e uno che prevede un arricchimento del tessuto con legno di sandalo.