Chi bella vuole apparire le pene deve soffrire. Mai affermazione è sembrata più vera, se pensiamo alle volte che ci siamo costrette a indossare sandali e décolleté dai tacchi alti e dalle forme strette. Le scarpe spesso ci costringono e stancano i piedi.

Per fortuna la ricerca del professor Paul Stevenson dell’Institute of Physics di Londra ha pensato a noi donne. Sviluppando una formula matematica è riuscito a definire quale tacco alto è più adatto a ogni donna, in modo da non affaticarle i piedi e a darle un aspetto più spontaneo.

La formula, che dovremo imparare a memoria, si basa sull’altezza di noi donne e sul fattore Q che si riferisce al valore della scarpa. L’equazione è la seguente: H=Qx(12+3 S/8), dove H sta per altezza del tacco, S è la taglia della scarpa e Q, in quanto fattore sociologico, è composto da:

P x (Y+9) x L / (T+1) x (A+1) x (Y+10) x (L+20)

  • P” misura la probabilità che le vostre scarpe facciano girare la testa agli uomini, ed è un numero decimale che va da 0 a 1;
  • Y” indica la vostra esperienza con i tacchi alti: più siete abituate a usarle meno faticherete;
  • L” riguarda il costo delle scarpe: più sono care, più sarete disposte a soffrire;
  • T” indica l’età della scarpa: quanti mesi sono passati da quando era di moda?;
  • A” è un valore compreso fra 0 e 1, misura i bicchieri di alcol che berrete sui vostri tacchi (il rischio di cadere è direttamente proporzionale).

Se la formula matematica vi ha un po’ confuso le idee, potete ricorrere alla versione italiana della stessa, elaborata dal professor Gianfranco Bo, Seguendo il suo algoritmo tutto sarà più facile e divertente.