Dal 21 al 24 settembre i Giardini Pensili dell’Auditorium Parco della Musica di Roma ospitano Taste of Roma 2017, il Festival degli Chef che quest’anno, alla VI edizione, celebra i 15 anni di vita dell’Auditorium e punta a superare gli oltre 28.000 visitatori del 2016, anche grazie a nuovi e ulteriori chef, ristoranti, partner e attività.

Il successo del 2016 ha confermato che il pubblico, sempre più attento, consapevole e numeroso, attende ogni anno con maggiore curiosità l’evento che avvicina e racconta i migliori ristoranti della Capitale“, ha detto Mauro Dorigo, General Manager di Brand Events Italy.

Tanti gli spazi e i momenti dedicati all’intrattenimento con scuole di cucina, degustazioni, showcooking e laboratori gratuiti e aperti a tutti.

Novità per quel che riguarda il vino: all’Enoteca Trimani la gestione dei quattro wine bar presenti, con 60 etichette proposte.

L’evento capitolino segue il successo di Taste of Milano, che si è svolto a maggio, e conclude l’estate romana prima della grande novità invernale di Taste of Courmayeur, in programma dal 19 al 21 Gennaio 2018 presso il Courmayeur Mountain Sport Center.

Vediamo in dettaglio date, biglietti, chef e ristoranti di Taste of Roma 2017.

Taste of Roma 2017: date

  • Taste of Roma 2017 si svolge presso i Giardini Pensili dell’Auditorium Parco della Musica (viale Pietro de Coubertin, 30 a Roma), dal 21 al 24 settembre 2017.
  • Il festival è aperto giovedì e venerdì dalle 19 alle 24 e sabato e domenica dalle 12 alle 17 e dalle 19 alle 24.

Taste of Roma 2017: biglietti

  • Il biglietto di ingresso permette di accedere al festival e partecipare a gran parte delle attrazioni (consumazioni escluse): parte da 16 euro a persona (per i più piccoli sono previste riduzioni).
  • Per i pagamenti all’interno dell’area dei Giardini viene utilizzata il sesterzio, una valuta speciale dove 1 sesterzio corrisponde a un euro.
  • Per gli acquisti basta ricaricare la Card Sesterzi consegnata all’ingresso.
  • La formula per gustare l’alta cucina prevede 3 portate in formato degustazione, con prezzi variabili tra i 6 e gli 8 sesterzi, e un quarto piatto, del valore di 10 sesterzi, ispirato alla musica, per un totale di quattro portate realizzate da ogni ristorante.

Taste of Roma 2017: chef e ristoranti

  • Sono 15 i ristoranti protagonisti con i rispettivi chef: Alessandro Narducci di Acquolina (in via del Vantaggio), Kotaro Noda di Bistrot 64 (via Guglielmo Calderini, 64), Cristina Bowerman di Glass Hostaria (in vicolo del Cinque, 58)  Angelo Troiani de Il Convivio Troiani (vicolo dei Soldati, 31) Daniele Usai de Il Tino (via Monte Cadria, 127 Fiumicino) Francesco Apreda di Imàgo (Hotel Hassler, piazza Trinità dei Monti, 6), Heinz Beck de La Pergola (Hotel Rome Cavalieri, via Alberto Cadlolo, 101), Fabio Ciervo de La Terrazza dell’Eden (Hotel Eden, via Ludovisi, 49), Alba Esteve Ruiz di Marzapane Roma (via Velletri, 39), Roy Caceres di Metamorfosi (via Giovanni Antonelli, 30), Stefano Marzetti di Mirabelle (Hotel Splendide Royal, via di Porta Pinciana, 14), Giulio Terrinoni di Per me (vicolo del Malpasso, 6), Luigi Nastri di Stazione di Posta (largo Dino Frisullo, 1), Massimo Viglietti dell’Enoteca al Parlamento (via dei Prefetti, 15), Adriano Baldassarre di Tordomatto (via Pietro Giannone, 24).
  • Il menù prevede fino a 60 portate gourmet realizzate nelle cucine allestite in loco affinché il pubblico possa divertirsi a comporre il proprio menu ideale acquistando i piatti scelti (a un costo variabile fra i 6 e i 10 sesterzi).
  • A ogni chef il compito di creare una Sinfonia in musica, pensata appositamente per l’occasione: il piatto speciale a 10 sesterzi (10 euro) ispirato dalla musica.