Idee, suggestioni, ispirazioni per una tavola di Capodanno unica e scintillante. Uno stile elegante ma sempre d’impatto, che possa illuminare la zona living e la casa così da rendere più prezioso il passaggio verso l’anno nuovo. Il momento della consegna del testimone tra vecchio e nuovo anno deve iniziare con un brindisi, tanti baci sotto il vischio in un’atmosfera gioiosa e brillante. Per questo lo stile dell’ambiente, ma in particolare della tavola e dell’arredamento, dovrà risultare luminoso e magico.

La zona della festa si arricchirà della presenza di addobbi e luci preziose, magari dai tocchi dorati, cristallini e argentati. Festoni, decorazioni di carta ma anche tanta luce d’atmosfera grazie alle candele, meglio se bianche o rosse da disporre in modo armonico creando angoli suggestivi. Disponendole sopra sottopiatti di vetro per evitare che la cera colando possa rovinare tessuti e mobili. Oppure inserendole all’interno di lanterne e portalumini, realizzando un percorso luminoso per tutta la casa.

Tavola di San Silvestro, il mood 2016

L’atmosfera di Capodanno è più informale e maggiormente goliardica rispetto a quella del Natale, per questo le soluzioni possono essere tante e tutte intriganti. Non vi è l’obbligo della cena classica ma si può festeggiare tra le mura domestiche, nella tranquillità casalinga creando un buffet ricco di proposte culinarie sia della tradizione che di quelle nate dalla contaminazione fusion. La tendenza colore autunno-inverno ha visto primeggiare tonalità scure ma anche tipicamente autunnali, come marrone, marsala, bordeaux e rosso. Immancabili il blu e il nero, spezzati dalla presenza di oro, argento e lamé. Questi ultimi in perfetta sintonia con la necessità di creare una tavola preziosa ma al contempo da arredare con semplicità ed eleganza. Le novità cromatiche del 2016, dai toni pastello, freschi ma anche un po’ nordici, possono fondersi amabilmente con le necessità scintillanti del Capodanno e per questo è possibile giocare con il rosa quarzo, il giallo ranuncolo, il celeste e verde acqua, l’arancione pesca, il griglio lilla, un po’ verde brillante e la tonalità del caffè ghiacciato.

Per realizzare un elemento di contatto tra tutte queste tonalità si può sfruttare il bianco come ottimo passepartout, la tovaglia dovrà quindi possedere una tonalità chiara ideale per accogliere tutti i giochi cromatici. I tocchi moderni per le nuove tendenze possono fondersi sfruttando gli elementi presenti: piatti, sottopiatti, bicchieri, posate, tovaglioli e piatti di portata. Una mise en place che possa comprendere runner nelle tonalità del corda e del caffè ghiacciato, colore da riprendere con l’inserimento di rami di legno vero sbiancato o naturale da posizionare come centrotavola dentro vasi in arancione pesca e bianco.

Il gioco cromatico è facile, si può intervenire e mescolare i dettagli sfruttando gli elementi presenti. Posate, portalumini, sottobicchieri in argento o oro antico per tendere la mano agli evergreen delle feste. Ma la preziosità del Capodanno può palesarsi anche attraverso pendagli, elementi decorativi, fiocchi di neve glitterati, fili luccicanti da disporre sulla tavola o come mini addobbi per il ramage centrotavola. Il rosso e il bordeaux, come il nero, possono accedere con discrezione ed eleganza, sottolineando le forme di un delicato fermatovagliolo, oppure sotto forma di bacche, candeline e stelline da posizionare come segnaposto.

Tavola brillante

Se invece la preferenza cade sul classico si può giocare con le tonalità dell’inverno, ovvero come anticipato oro, argento e lamé, validi e affascinanti evergreen di stagione, intervallando i cromatismi di questo fine anno utilizzando un tavolo di legno naturale oppure dipinto di nero, con piatti e sottopiatti e bicchieri in oro e argento. Provate con posate in stile, tovaglioli bianchi, dettagli decorativi e vasi in vetro trasparente ricolmi di pendagli, palline e festoni chiari, luccicanti e brillanti. Senza dimenticare il rosso e il bordeaux, che potranno assumere le sembianze di nastrini di velluto o raso per legare i tovaglioli oppure un centrotavola di rami, foglie verdi e bacche rosse. Mixare, mescolare, amalgamare, sposare forme e colori creando un insieme equilibrato, prezioso, ma sempre elegante e non esagerato. Magari sfruttando stoviglie, zuppiere, candelabri della nonna e in stile vintage, forse un po’ shabby chic, da amalgamare con elementi più moderni e attuali per una tavola che profumi di accoglienza e di calore domestico.

Non è indispensabile spendere cifre esorbitanti, basta fare un giro nei mercatini di zona per scoprire elementi e meraviglie di un tempo, che possono ritrovare nuova vita sulla tavola e nel living di casa, magari rinfrescati con una mano di pittura che riesca ad assecondare il mood del 2016 e della prossima primavera. Una tavola che sia allegra e vivace e che traghetti gli ospiti verso il momento del brindisi in armonia e serenità.