Taylor Momsen sarà una star del piccolo schermo e magari anche della musica rock, ma in fatto di comportamento resta una teenager uguale a tutti gli adolescenti di questo mondo. La conferma? Incolpa i propri genitori di ogni sua presunta sciagura.

La 17enne Taylor non solo non è diversa dai tanti altri dark sparsi per il globo, ma nemmeno da tutti i miliardi di adolescenti. È solo che ha più risonanza. E quindi quando dà la colpa ai suoi per la sua immagine tetra, c’è poco da far polemiche.

Ha detto la Momsen in una recente intervista:

Tutti quanti sono dietro a dire “Wow! Perché è così arrabbiata e perché è così infelice?”. I miei genitori mi hanno fatto assumere dalla Ford [agenzia di modelle] quando avevo due anni. Nessun bambino di due anni vuole lavorare, ma io non avevo scelta.

La povera Taylor aggiunge:

Per tutta la mia vita, sono entrata e uscita da scuola, non avevo amici. Lavorato costantemente e non avevo una vita vera.

Di primo acchito viene da compatirla un po’. Poi si pensa al suo conto in banca. Infine, si rinuncia: quale adolescente non ha imprecato contro i genitori?