Una nuova provocazione targata Telepadania. Questa volta ad essere presi di mira Luigi De Magistris e la sua Napoli, colpevoli, secondo la tv locale, di non essere ancora riusciti a risolvere i problemi legati all’immondizia per ignoranza riguardo le procedure di raccolta differenziata dei rifiuti.

L’emittente televisiva manda in onda un servizio in cui propone un “aiuto” a Luigi De Magistris, sbeffeggiato col nomignolo di “Giggino”, nel quale si mostrano pratiche di raccolta differenziata che il sindaco di Napoli dovrebbe far apprendere ai suoi concittadini.

Galleria di immagini: Napoli, rifiuti

Il video ha immediatamente scatenato le polemiche oltre che l’ira dei napoletani, che si sentono derisi e offesi da quanto espresso nel filmato.

Mentre sul Web ovunque si moltiplicano messaggi di condanna, anche ironici come ad esempio “perché non insegnano l’italiano al Trota?”, dura arriva la reazione del vicesindaco partenopeo, Tommaso Sodano:

«La Lega non deve insegnare proprio nulla ai napoletani e ai campani. Laddove la raccolta differenziata porta a porta viene praticata, infatti, si raggiungono percentuali alte di riuscita e buona qualità di materiale. Piuttosto la Lega dovrebbe spiegare al Paese intero, se ha un minimo senso di onestà intellettuale e della decenza, come mai Napoli e la Campania siano state trasformate per decenni in uno sversatoio a cielo aperto per i rifiuti industriali, anche tossici, provenienti dal Nord Est dell’Italia».

Fonte: Il Mattino