Anche in momenti di crisi è possibile crescere bambini belli e sani: lo dice il Consorzio Grana padano, il quale propone alcune norme alimentari che consentono di combattere l’obesità infantile mangiando bene, ma spendendo giusto.

Secondo lo studio condotto dall’Osservatorio Nutrizionale Grana Padano, il 40% dei bambini italiani è in sovrappeso, soprattutto le bambine, in particolare di età compresa tra i 6 e i 14 anni, non solo a causa dell’alimentazione, ma anche e soprattutto perché non fanno attività fisica. Quindi più movimento e un’alimentazione sana sono i fattori indipensabili per il benessere dei bambini.

Ma in tempi di crisi si pone il problema: mangiare bene e sano costa abbastanza per non dire molto e non tutte le famiglie possono permettersi una spesa che vada oltre le proprie disponibilità economiche. Per far quadrare il bilancio, molte famiglie acquistano cibi più economici, che costano meno, ma hanno un contenuto calorico alto, perché sono ricchi di grassi e zuccheri semplici che fanno male all’organismo dei bambini, ma anche degli adulti.

Addirittura i bambini consumano alimenti ipercalorici anche a merenda o addirittura al posto dei pasti principali, come le patatine fritte e gli snack tanto pubblicizati in TV, che prendono per la gola i bambini, ma rappresentano un grave danno per la salute e per la linea. E invece, bisognerebbe acquistare cibi non elaborati, eliminare i piatti pronti, comprare cibi genuini e semplici da cucinare in casa in modo semplice, come pane, pasta, carne, pesce, legumi, latte e latticini, uova, frutta e verdura.

E poi fare attività fisica, qualunque movimento, anche passeggiate o corse al parco che non costano nulla, perché il movimento combatte sovrappeso e obesità.

Per un’alimentazione sana ed economica dei vostri bambini, cercate di seguire alcune semplici norme alimentari, come consiglia Consorzio Grana padano. Ad esempio, una volta alla settimana, sostituite il secondo piatto di carne o pesce con due uova che si possono cucinare in vari modi: sode, alla coque, in frittata, in padella antiaderente.·

Due volte a settimana, sostituite carne o pesce con latticini stagionati, come il Grana Padano DOP in porzione dai 30 ai 60 g in base all’età del bambino.

Almeno due o tre volte alla settimana, sostituire la carne e il pesce con i legumi associati ai cereali: ottimi riso e piselli, pasta e fagioli, ecc…·

Il pesce almmeno due o tre volte alla settimana, anche surgelato.

Molte verdure, anche surgelate.

Prosciutto crudo o cotto e bresaola, che costa meno se acquistato al banco.

Frutta di stagione matura, alternandone la qualità e il colore.

Usate olio extravergine d’oliva approfittando anche delle offerte per risparmiare.

Eliminate bibite gassate e zuccherate che hanno scarso valore nutrizionale e preferite l’acqua, magari acquistandola in offerta al supermercato oppure quella del rubinetto per risparmiare senza rinunciare alla qualità.