Ci siamo quasi. Archiviati i festeggiamenti di Halloween, le vetrine iniziano a riempirsi di fiocchi di neve, nastri rossi, rami di pino. Si scaldano i motori delle shopping addicted in vista del 26 novembre, il Black Friday che dà inizio allo shopping natalizio. Si tratta di una data della tradizione americana che segue il giorno del Ringraziamento, e che è stata importata come moda in Italia per lanciare messaggi promozionali, sconti e superofferte. Per il Natale 2010, al Black Friday si aggiunge una nuova tendenza: i temporary store, o popup shops.

Si tratta di negozi temporanei che vendono prodotti specifici, e che aprono al pubblico solo per periodi limitati di tempo, come appunto quello dello shopping natalizio. Il loro vantaggio rispetto a un outlet è di avere merce non fallata, collezioni dell’anno in corso e sconti che arrivano fino al 50-70%.

E così può capitare di percorrere ogni giorno la stessa strada e imbattersi all’improvviso in un nuovo negozio che, dopo qualche settimana, sparisce. Oggi, però, grazie ai social network e alle campagne virali, il lancio è ampiamente annunciato. Dal punto di vista psicologico, infatti, i temporary shop si presentano come veri e propri eventi, a cui le persone vogliono partecipare anche solo per dire “io c’ero”.

A loro volta, le aziende possono fare grandi fatturati e testare l’impatto di nuovi prodotti sul mercato senza avere costi fissi, come quello del personale.

In Italia l’apertura di solito si estende a qualche mese. Patria della nuova tendenza importata da USA e Inghilterra è Milano. Un esempio? I due nuovi temporary shop di Mango, uno dedicato agli accessori e uno alla collezione donna, che si trovano nella strategica posizione della hall d’ingresso della stazione centrale e che saranno aperti solo per 6 mesi. Tra i primi popup shop italiani troviamo Barilla con la linea Alixir, FIAT, con la nuova 500, Nivea, Levi’s e Benetton.

In questo periodo di crisi, i temporary shop saranno davvero la risposta al desiderio di risparmio sia delle imprese che di chi ama fare acquisti, e in più vuole condire la sua esperienza di shopping in giro per negozi con convenienza, giusta dose di divertimento e novità modaiole?