Non riesce il passaggio ai quarti a Francesca Schiavone. La milanese è esce agli ottavi dagli Us Open, sconfitta per 5-7 6-3 6-4 dalla Pavlyuchenkova. Si scioglie il duo tutto italiano con Flavia Pennetta, che dovrà vedersela oggi con un’avversaria, fatti i dovuti scongiuri, decisamente alla sua portata. Avrà di fronte la tedesca Kerber, numero 92 del ranking mondiale.

Un po’ di delusione per l’uscita di Francesca c’è, lei stessa non sa darsi pace per qualche errore di troppo. Una gara che ha combattuto con la solita energia, incorrendo però in qualche imprecisione che le è poi costata cara. Il suo commento dopo gara rende l’idea dell’amarezza provata:

“Chiamate l’ambulanza, portatemi via, legatemi!”

Una giornata storta, maturata non solo per gli errori gratuiti concessi alla Pavlyuchenkova, ma anche per via di una gamba destra che continua a darle fastidio. Prosegue invece il cammino di Flavia Pennetta, che nel suo percorso qualche sassolino dalla scarpa se l’è invece tolto. Sulla strada per i quarti di finale ha eliminato una delle tenniste più attese, la russa Marija Šarapova.

Nelle sue parole c’è tutta la carica di un pubblico, quello newyorkese, che sa caricarla in maniera particolare:

“É anche il pubblico che mi carica. Forse preferisce le more, sicuramente ama noi italiane”.

Un pensiero che va poi ad un’eventuale finale, sfruttando il fatto che molte delle pretendenti alla vittoria sono già uscite:

“Solo a pensarci mi viene la pelle d’oca. Nel torneo sono cadute teste di serie importanti, qualcuna l’abbiamo fatta saltare noi. Ora io e la Kerber ci possiamo godere quello che viene, perché è tutto in più”.

Fonte: La Stampa