Crolla Flavia Pennetta nei quarti degli Us Open. L’atleta azzurra, l’ultima delle nostre tenniste rimasta in gara dopo il ko di Francesca Schiavone agli ottavi, esce per mano della tedesca Angelique Kerber (n.92 al mondo) con il punteggio finale di 4-6 6-4 3-6.

Un match rimandato da martedì a ieri sera per l’intensa pioggia abbattutasi sulla zona di New York. Quando finalmente si comincia a giocare, la Pennetta sembra fuori fuoco e va subito sotto perdendo il primo set per 4-6. Nel secondo va di nuovo sotto, riuscendo questa volta a piazzare sei game di fila e rientrare in partita.

Galleria di immagini: Flavia Pennetta

Il terzo e decisivo set è quello che la vedere definitivamente perdere il controllo della gara. Eppure la Pennetta parte forte e al quarto gioco si trova sul 3-1 a favore. La Kerber però non demorde, anzi, trova la forza per chiudere l’incontro con un 3-6 che le regala la semifinale con l’australiana Stosur.

Una gara molto lontana dai livelli a cui Flavia ci ha abituati, fatta di molti errori e una tenuta nervosa che non è quella che l’ha portata ad essere tra le migliori al mondo. Pur conservando ottimismo per i prossimi appuntamenti, visto che grazie agli Us Open ritorna nella top 20, c’è spazio per qualche rimpianto:

“Era una bella opportunità, lo so bene ma sicuramente ne avrò altre. Se sono arrivata a questo punto posso farlo ancora. Rimpianti? Forse quello di non aver gestito meglio la tensione”.

Il quadro delle semifinali, oltre alla sfida Kerber-Stosur, è completato dall’incontro tra due grandissime del tennis femminie: Serena Williams e Caroline Wozniacki. Tra gli uomini nel prossimo turno attesa per la sfida tra Rafael Nadal e l’idolo di casa, lo statunitense Andy Roddick.

Fonte: Gazzetta dello Sport