A Milano, in via via De Amicis, un gruppo di ladri ha tentato di irrompere in casa di Gerry Scotti per “ripulire” l’appartamento del famoso conduttore di Canale 5. Gli uomini, di presunta nazionalità sudamericana, si sono introdotti nello stabile ma, prima di poter entrare nell’appartamento per procedere al furto, sono stati scoperti da un inserviente cileno del palazzo e sono fuggiti.

Galleria di immagini: Gerry Scotti

Insospettiti dal comportamento dei quattro brutti ceffi, il vicino cileno e un altro coinquilino dello stabile hanno controllato l’appartamento di {#Gerry Scotti}, che è stato acquistato da poco ed è ancora in fase di ristrutturazione: dopo aver notato evidenti segni di forzatura nella porta di ingresso, i due condomini hanno avvertito i carabinieri.

Insomma, sarebbe potuta andare male per il presentatore Mediaset senza l’aiuto dei suoi vicini di casa. E dire che, solo la scorsa settimana, Gerry ha aperto il suo cuore alle telecamere di Domenica Cinque parlando di suo figlio e lasciando trasparire un lato di sé che i telespettatori non conoscevano:

«Ho capito che mio figlio sarebbe stato la centralità della mia vita, ho sentito il mio ruolo di padre, quando ho smesso di essere marito. Avrei rinunciato all’idea di separarmi per godermi meglio figlio, ma ho scoperto di aver mantenuto il rapporto in modo ancora migliore. Solo grazie a lui e la mia forte volontà di vederlo ho anche superato la mia paura di volare. Quando vado a trovarlo in America e poi riparto, non gli lascio certamente cose materiali, ma la consapevolezza di vivere in una situazione di privilegio. Forse è partito proprio per non sentirsi dire sempre “lei è il figlio di Gerry Scotti”.»

Fonte: La Repubblica, TgCom