In questi giorni, si stanno concludendo a Buccinasco le riprese di “All star“, la prima sitcom italiana dedicata al calcio, lo sport nazionale. La serie andrà in onda la prossima primavera su Italia 1 e è prodotta dalla “Colorado Film e RTI, con un contributo di 250.000 euro a puntata.

Il cast è nutrito e interessante, perché formato da attori provenienti da esperienze comuni, e soprattutto da certi insegnamenti di Gabriele Salvatores, scopritore di alcuni talenti protagonisti della serie quali Diego Abatantuono, Bebo Storti, Fabio De Luigi e Gigio Alberti. Altri interpreti saranno Ambra Angiolini e Paolo Hendel.

La sitcom, che ha quasi ambizioni cinematografiche, utilizza il pretesto della passione calcistica per parlare d’altro, come ha confermato Abatantuono a Il Giornale:

All stars mi ha riportato ai tempi dei primi film di Salvatores. C’è lo stesso forte rapporto tra amici. Il calcio è un pretesto: si parla di figli, fedeltà e anche amore gay. E io ho una parte proprio in questo.

Guest star saranno alcune vecchie glorie del calcio nazionale, tra cui Billy Costacurta, e alcune riprese sono state effettuate persino a San Siro.