L’obbligo di termoregolazione e contabilizzazione del calore è una norma mirata ad evitare gli sprechi di energia e comporterà notevoli benefici su due fronti: la lotta all’inquinamento la

riduzione delle bollette dei cittadini.

Gli utenti degli impianti centralizzati, infatti, accenderanno il riscaldamento solo quando sarà necessario e pagheranno solo quanto effettivamente consumeranno, evitando così inutili sprechi di energia e di denaro. Regione Lombardia ha riferito che con le misure previste si calcola un risparmio energetico medio del 20 – 30% rispetto ai consumi attuali. I condomìni con gli impianti più obsoleti potranno risparmiare anche fino al 50%.

A questo scopo, Regione Lombardia ha emanato nel 2009 e 2010 due bandi per oltre 6 milioni di euro che hanno incentivato il cambio delle caldaie e l’installazione dei dispositivi per termoregolazione e contabilizzazione. Il condominio potrebbe conseguire ulteriori risparmi anche con il ricorso a contratti di servizio energia che consentirebbero di acquistare il combustibile ad una tassazione con Iva ridotta al 10%.

L’investimento potrebbe avere un rientro economico in pochi anni e un notevole risparmio per sempre. Secondo le stime l’installazione dei contabilizzatori di calore e della valvole termostatiche verrà a costare fra i 50 e i 100 euro per ogni radiatore. Per un appartamento di 100 mq di 3 vani più servizi, ad esempio, la spesa oscillerà fra i 500 e i 700 euro.

Quindi l’intervento potrà essere ammortizzato entro un arco temporale compreso fra i 3 ed un massimo di 6 anni per i casi più costosi. Alla fine di questo periodo di ammortamento che è tra

i più brevi nel panorama degli investimenti edilizi il risparmio in bolletta per le famiglie sarà per sempre.

Come previsto dalla Legge 10/91, l’introduzione dell’obbligo è graduale e rapportato alla potenza e alle condizioni dell’impianto. Risulta così che circa il 9% deve rispettare l’obbligo entro il 1° agosto 2012 (e cioè circa 13.000 impianti), mentre il 20% dovrà adeguarsi entro il 1° agosto 2013, ed infine il 70% entro il 1° agosto 2014. Emerge quindi che la maggior parte degli impianti dovrà regolarizzarsi entro la data più distante nel tempo.

Obbligo nazionale

Va ricordato che la termoregolazione è un obbligo già previsto dalla Legge 10/91. Quindi, molti edifici costruiti dopo sono già dotati di tali sistemi.