Sembra incredibile, eppure il film di Terrence Malick, da sempre adorato dalla stampa specializzata ma capace anche di conquistare ampie fette di pubblico, è stato fischiato alla Mostra del Cinema di Venezia.

Complice forse anche l’assenza del Maestro Terrence Malick, sempre schivo rispetto agli eventi ufficiali, dalla sala stampa si è levato un coro di disapprovazione al termine della prima proiezione di To the Wonder, in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia numero 69.

Galleria di immagini: To the Wonder, red carpet

D’altra parte correva voce che To the Wonder sarebbe stato un film persino più sperimentale del precedente The Tree of Life, ma forse in questo caso il simbolismo estremo della messinscena si è tramutato in pesantezza.

Sia sul piano visivo che su quello tematico, To the Wonder appare simile a The Tree of Life, universalmente riconosciuto come uno dei migliori film del 2011. Amore, natura, ricerca del divino sono declinati attraverso l’incrociarsi dei personaggi: i protagonisti Neil e Marina, interpretati da Ben Affleck e dalla ex bond girl Olga Kurylenko, che vivono un amore travolgente che va e viene; l’ex fiamma di Neil, la Jane di Rachel McAdams, da cui l’uomo farà ritorno; Padre Quintana, interpretato da Javier Bardem, l’uomo di Dio cui i protagonisti in crisi esistenziale si rivolgono.

Nel cast anche l’italianissima Romina Mondello, presente nel film con una parte secondaria; la Mondello ha presenziato alla conferenza stampa assieme alla bellissima Olga Kurylenko. A loro è andato l’arduo compito di parlare del film:

«Marina e Neil formano una coppia che non riesce a farcela, non riesce a vivere la quotidianita’ anche se si amano. Nonostante ciò l’amore può resistere in eterno e può vincere tutto.»

Così Olga riguardo alla sua parte e al significato dell’amore tormentato messo in scena dal film.

I maligni già sussurrano che Malick dovrebbe continuare a fare un film ogni decina d’anni, come è stato fino a The Tree of Life, se i risultati devono essere così deludenti. Attenderemo la risposta del pubblico dopo l’uscita del film nelle sale, prevista per il 14 dicembre.

Fonte: Agi