In commercio e in generale esistono varie tipologie di test di gravidanza. Quindi, nel caso fossero comparsi sintomi tali da farvi pensare di essere in dolce attesa (dalla nausea mattutina al gonfiore, fino al classico ritardo delle mestruazioni), potreste ottenere una risposta con una certa facilità, scegliendo la tipologia che preferite.

Ci sono dei metodi scientifici ed altri più naturali e casalinghi, che possono anche essere associati per avere la certezza. L’affidabilità, infatti, è testata ma non sempre scontata, perché può esserci sempre margine per un errore che renda il test nullo. Da qui un consiglio: non abbattetevi in caso il responso non sia quello che aspettavate e provate di nuovo.

Intanto vi elenchiamo tutti i tipi di test di gravidanza che avete a disposizione.

  • Test urinario. È il più usato, anche perché si può acquistare tranquillamente in farmacia. Questo test riesce a rilevare la presenza nelle urine di HCG (Gonadotropina Corionica Umana, l’ormone della gravidanza) ed è consigliabile usarlo la mattina appena alzate. Pare sia affidabile al 99%, però attenzione perché, se fatto troppo presto, quando la gravidanza è appena cominciata, potrebbe dare risultato negativo.
  • Test sanguigno. Consigliato è l’esame del sangue specifico, che è il metodo più sicuro per appurare la gravidanza. Ce ne sono di due tipi: il qualitativo (che risponde con un semplice sì o no) e il quantitativo (che considera la quantità esatta di HCG presente nel sangue e quindi permette di scoprire la data della fecondazione). È affidabile al 100%.
  • Test salivare. Non è ancora molto noto e usato in Italia, ma può essere un’alternativa. Testa la quantità di HCG nella saliva ed è affidabile al 98%.
  • Test di olio e urina. Ci sono poi i metodi della nonna come questo che consiglia di mescolare delle gocce di urina a due di olio: nel caso si dovessero unire la gravidanza sarebbe confermata. La sua affidabilità non è testata.
  • Test del grano e dell’orzo. Tra i test naturali ne troviamo anche uno originario dell’Antico Egitto. In questo caso la donna dovrebbe urinare su dei chicchi di grano e orzo per alcuni giorni: se dovesse germogliare il grano, sarebbe in attesa di una figlia femmina, se l’orzo di un maschio. Una tradizione decisamente bizzarra.