Il test di gravidanza va fatto quando c’è un ritardo del ciclo mestruale di almeno 2 – 5 giorni, per dare il tempo all’embrione di produrre una quantità sufficiente di ormone che il test può rilevare.

Fare un test troppo presto, con poco ritardo o addirittura prima della data presunta dell’arrivo del ciclo, è controproducente perché potrebbe dare vita al cosiddetto falso negativo, quando il test non rileva l’ormone e dà esito negativo, ma in realtà la gravidanza c’è.

Dopo alcuni giorni di ritardo, invece, la quantità di ormone viene tranquillamente rilevata dai test, che sono ormai molto attendibili.

Galleria di immagini: Alice dei Cesaroni incinta: le foto più belle di Micol Olivieri