Concepire un bambino sarà più semplice se i futuri genitori avranno avuto rapporti sessuali nei quattro giorni precedenti e nel giorno successivo all’ovulazione, ma la durata del ciclo non è la stessa per ogni donna e per ogni mese: il test per l’ovulazione vi aiuterà a prevedere il momento durante il quale l’ovocita verrà espulso dalle ovaie e ad avere quindi rapporti mirati.

L’ovulazione avviene 36 ore dopo l’inizio della crescita dell’LH (ormone luteinizzante responsabile dell’ovulazione) e circa 17 ore dopo il suo picco: il classico test di ovulazione LH individua il picco di questo ormone, così, a partire dal primo test positivo, si avranno 36-48 ore utili per avere rapporti sessuali; esistono inoltre in commercio test che rilevano due tipi di ormoni: non solo l’LH, ma anche l’estradiolo, un estrogeno prodotto dalle ovaie; in questo modo si potranno individuare ben quattro giorni fertili e non si corre così il rischio di scoprire troppo tardi che il test di ovulazione è positivo.

In linea generale, i test dell’ovulazione dovrebbero essere considerati come un ulteriore strumento da utilizzare assieme al monitoraggio della temperatura basale e all’analisi del muco cervicale (che durante l’ovulazione diventa più chiaro, fluido e abbondante); infatti, in caso di cicli molto irregolari, affidarsi agli stick potrebbe rivelarsi costoso. Ma quali sono i principali test per l’ovulazione in commercio? Vediamoli insieme.

Test LH canadesi. Si tratta di test molto economici (un kit da 16 stick costa mediamente 8 euro), che rilevano il picco di LH e che conviene ripetere due volte al giorno, a distanza di 12 ore. Se si tiene il test con la mano destra, la prima banda sulla destra è quella di controllo, l’altra quella di rilevazione dell’ormone. Il test è negativo quando compare la sola linea di controllo o se la linea dell’LH compare, ma è di minore intensità rispetto a quella di controllo. Il test invece è positivo se sono visibili due linee di uguale intensità oppure se quella dell’LH è più evidente della linea di controllo. In questo caso i giorni fertili sono al massimo due.

Stick ovulatori Persona. Se li usate senza computerino è necessario impariate a interpretare le linee a destra e sinistra: la finestra destra è quella dell’LH, quella a sinistra è quella dell’estradiolo. Se la linea sinistra è marcata, non vi è presenza né di estradiolo, né di ormone luteinizzante; se la linea sinistra sbiadisce, il test comincia a rilevare l’estradiolo; se la linea destra comincia a diventare blu, si è in presenza di LH. Se entrambe le linee compaiono con la stessa intensità vuol dire che l’ovulazione è in arrivo. Infine, se la linea sinistra è assente e la destra presente, l’ovulazione è imminente (16 test costano 25,99 euro).

Test Clearblue. Secondo i test Clearblue, il periodo fertile inizia quando la faccina inizia a lampeggiare e termina quando il test diventa nuovamente negativo, in un arco di tempo compreso fra i 4 e i 6 giorni (16 test costano 25,99; mentre il minicomputer Clearblue Fertility Monitor che controlla anche l’estradiolo 150 euro circa).

photo credit: Any.colour.you.like via photopin cc

Galleria di immagini: Megan Gale mamma: le immagini del primogenito della modella