Il regista de “I guardiani della notte”, Timur Bekmambetov, potrebbe dirigere l’adattamento cinematografico del romanzo di Peter Ackroyd “The casebook of Victor Frankenstein“, una rielaborazione del celeberrimo testo originale di Mary Shelley, scritto due secoli fa.

Il regista, uno dei cineasti più interessanti del cinema russo, avrebbe dovuto girare il sequel di “Wanted” con Angelina Jolie, però gli impegni dell’attrice avrebbero costretto la casa di produzione del film al congelamento momentaneo del progetto. Ma sperimentarsi nella regia di un’opera così intrigante potrebbe costituire per Bekmambetov un’alternativa davvero stimolante.

Nel romanzo di Ackroyd, la Shelley si confronta con Victor Frankenstein (con il quale condivide il percorso di studi a Oxford) e la loro accesa discussione fa nascere un’ossessione nel giovane studioso, che inizia a condurre esperimenti scientifici per ridare la vita ai cadaveri.

Tuttavia il lavoro condotto sui corpi forniti legalmente dal coroner non porta ai risultati sperati, e Victor si vede costretto a trasferire il suo laboratorio altrove e a tentare strade più controverse.