Sulle pagine di Repubblica di oggi è stata pubblicata un’intervista di Laura Montanari a Tina Brown, una delle più grandi giornaliste di temi femminili, ex direttrice di Vanity Fair e New Yorker, in Italia per moderare un dibattito sulla condizione delle donne nel mondo, organizzato dalla New York University e dall’organizzazione noprofit Vital Voice.

Attualmente la Brown è direttrice del visitatissimo sito Internet da lei stessa fondato, The Daily Beast, che viene cliccato da quattro milioni di utenti al mese, e tra i contenuti del suo portale non ha trascurato le vicende sentimentali che hanno interessato il nostro premier, Silvio Berlusconi.

In base a quanto ha dichiarato nell’intervista, Tina Brown riconduce le diverse condotte di Berlusconi ad una tematica che riguarda l’argomento più generico della condizione femminile. L’atteggiamento che il nostro Premier avrebbe con le donne, infatti, non soltanto escort, riporta la considerazione femminile indietro nel tempo, addirittura all’epoca preistorica, e autorizzerebbe gli altri uomini ad assumere comportamenti poco rispettosi nei confronti del gentil sesso. Il riferimento chiaro è l’espressione usata da Berlusconi nel rivolgersi alla Bindi, che egli stesso ha definito

più bella che intelligente.

Resta comunque da vedere se e quanto noi donne che viviamo in questo Paese siamo, ma soprattutto ci sentiamo, realmente vittime dei comportamenti poco morali che denuncia la Brown.