Il divorzio di Tom Cruise da Katie Holmes ha portato con sè molte chiacchiere sul suo conto. Essere una star di Hollywood non lo ha salvato dalle difficoltà del dopo divorzio. Soprattutto l’allontanamento da sua figlia Suri, i giudici l’hanno affidata a sua madre e l’attore ha accettato la decisione del giudice. Alcuni tabloid americani aveva pubblicato notizie inquietanti a proposito del suo rapporto con sua figlia.

In particolare ‘Life & Style’ e ‘In Touch’ avevano dedicato la copertina alla piccola Suri disperata per l’assenza del papà. Tom Cruise sarebbe stato colpevole della disperazione della bambona, colpevole di non averla vista per molti giorni perdendo anche il suo primo giorno di scuola. A Tom Cruise tutto questo non è piaciuto ed è passato alle vie legali. Così ha dichiarato il suo avvocato Bert Fields:

Tom è un padre premuroso che ama teneramente Suri. Lei è una parte vitale della sua vita e lo sarà per sempre. Dire che ha ‘abbandonato’ sua figlia è una bugia vergognosa. Dirlo inoltre attraverso titoli luridi con tanto di foto che ritrae Suri in lacrime è riprovevole. Tom non se ne va in giro per fare causa alla persone. Non è un tipo litigioso. Ma quando questi venditori ambulanti cercano di fare soldi con bugie così disgustose strumentalizzando il suo rapporto con la figlia, è giusto citarli in giudizio.

Tom Cruise non è nuovo alle querele, non gli piacciono le intromissioni nella sua vita privata che cerca di tutelare in ogni modo. Lo aveva fatto con Vanity Fair, colpevole di aver insinuato che il matrimonio con Katie Holmes.

Stando a quanto riportato dal New York Daily News, l’attore avrebbe tentato di fermare la pubblicazione delle due rivista, ma non è riuscito a convincere gli editori. Il suo avvocato ha precisato che se Tom Cruise dovesse vincere la causa darà i soldi in beneficienza. Si tratta di 50 milioni di dollari.