Laminati, pietre naturali, marmo: oggi scegliere il top cucina ideale richiede tempo e una buona dose di conoscenza.

Se infatti un tempo l’unico parametro da rispettare riguardava il colore e il design, adesso in commercio è possibile trovare un’ampia offerta di materiali per il top cucina in grado di soddisfare estetica, praticità e resistenza.

Il piano di lavoro della cucina, infatti, deve adattarsi perfettamente allo stile dell’ambiente ma anche essere resistente e possibilmente facile da lavare.

Ecco allora i materiali più adatti da prendere in considerazione nella scelta del top cucina.

  • Laminato. Ha un ottimo rapporto qualità prezzo, è versatile e può essere forgiato in modo da imitare alla perfezione una pietra naturale o un legno. Non assorbe i liquidi ma il suo limite è la scarsa resistenza al calore che obbliga all’utilizzo di appositi sotto-pentola per evitare danneggiamenti. I prezzi in alcuni casi possono essere davvero smart: a partire dai 69 euro al metro.
  • Inox. Per una cucina dal design moderno e dalle linee contemporanee si può pensare a un top in acciaio inox. Il vantaggio è quello di essere assolutamente resistente anche se molto sensibile ai graffi e agli aloni. In compenso un top cucina inox permetterà di essere igienizzato facilmente con appositi prodotti. Proprio per questo è il materiale più gettonato nelle cucine dei ristoranti. I prezzi sono però piuttosto elevati. Impossibile mettere in preventivo di spendere meno di 2000 euro.
  • Granito. Resistente, solido e adatto a qualsiasi stile di cucina, il granito è uno dei materiali più richiesti dagli appassionati di cucina. Il costo è piuttosto alto, in compenso offre massima resistenza agli urti, ai graffi e alle alte temperature. A partire dagli 800 euro.
  • In marmo. La scelta del marmo si presta benissimo alle cucine in legno, dallo stile country chic. È possibile scegliere diverse sfumature cromatiche ma bisogna ricordarsi che il marmo è più delicato rispetto al granito ed è più sensibile all’umidità. I prezzi si aggirano, anche in questo caso, intorno agli 800 euro.
  • Quarzo. I piani cucina in quarzo ricordano nell’estetica quelli in marmo ma sono più funzionali e anche più resistenti perché sono meno sensibili alle abrasioni e alle sostanze acide. Inoltre rappresentano una soluzione economica i cui prezzi si aggirano intorno ai 300 euro al metro.
  • Legno. Esteticamente è la scelta migliore per chi desidera una cucina dallo stile rustico ma allo stesso tempo elegante. La varietà di legno può essere scelta in base al proprio gusto: faggio, rovere, abete. Il top cucina in legno viene sempre sottoposto a uno speciale trattamento che lo rende impermeabile e in generale più resistente all’uso. I prezzi variano sensibilmente a seconda del tipo di legno scelto. Un top cucina in faggio della lunghezza di un metro può avere un costo intorno ai 250 euro.