Il Torino Film Festival accoglie il nuovo film di Carlo Virzì. La seconda commedia del fratello di uno dei nostri maestri del genere, Paolo, si intitola “I più grandi di tutti” e racconta la storia di una band musicale fittizia, per quello che si preannuncia come un esperimento quanto meno singolare all’interno del panorama cinematografico italiano.

Carlo Virzì ritorna dunque alla ribalta quest’oggi al Torino Film Festival, dove il suo “I più grandi di tutti” verrà presentato in Concorso, mentre non è ancora stata stabilita una data di uscita ufficiale nei cinema italiani.

Galleria di immagini: I più grandi di tutti

La pellicola vanta un cast di primo livello, grazie alle presenze di Claudia Pandolfi, Marco Cocci e Corrado Fortuna, già habitué del cinema di Paolo Virzì, più il rapper Frankie Hi-NRG MC (vero nome Francesco Di Gesù), già apparso al cinema in “Paz!” e “Boris”.

Per Carlo Virzì si tratta del secondo film dietro la macchina da presa, dopo l’esordio nel 2006 con il gradevole “L’estate del mio primo bacio”, e questa volta ci racconterà la storia de I Pluto, una band di provinciali alla ricerca del grande successo, per un film che nelle intenzioni del regista si preannuncia una variante italiana di film come “Almost Famous – Quasi famosi”, “The Blues Brothers” e “The Commitments”.

“I più grandi di tutti” è quindi un film consigliato a tutti gli appassionati di musica rock, ma non solo. Come spiega lo stesso Carlo Virzì:

«Non intendo un documentario e nemmeno una biografia, ma una commedia di fantasia che racconti le disavventure di musicisti spiantati, alle prese con l’utopia del rock’n’roll. […] Una commedia rock all’italiana, quindi, con dei protagonisti un po’ rozzi ma anche simpatici e un pochino patetici che cerca anche di affrontare temi delicati come la disabilità. Trattandoli con leggerezza e ironia. […] Il sottoscritto, come gli intronati protagonisti di questa storia, ha un lungo passato da musicista rock, e ritiene quindi di avere una certa esperienza in materia. D’altronde, chi non ha mai suonato in un gruppo rock?»

Fonte: Asca