In quanto a tormentoni estivi, gli anni Novanta hanno offerto alcune perle davvero impagabili. Risentite oggi potrebbero suonare alquanto trash e kitsch, e forse lo erano già allora, ma rappresentano anche un tuffo al cuore non da poco, almeno per chi oggi si aggira intorno ai 30 anni. Vediamo allora di riscoprirne qualcuna, per farvi ridere, ballare e magari anche farvi scendere una lacrimuccia nostalgica.

Galleria di immagini: Tormentoni estate anni '90

Soprattutto per chi è cresciuto negli anni ’90, l’appuntamento immancabile che segnava l’inizio ufficiale dell’estate era il Festivalbar, in cui sfilavano tutti i protagonisti musicali della stagione più calda e in cui venivano lanciati i tormentoni più penetranti. Tra i più memorabili possiamo citare i grandi protagonisti della dance “tamarra” e divertente: Haddaway con la storica “What is Love?”, recentemente ripresa da Eminem e Lil Wayne, e poi la regina indiscussa di molte estati 90s, Corona, interprete di memorabili pezzoni dance da Deejay Time (lo storico programma di Albertino su Radio Deejay) come “The Rhythm of the Night” e “Baby Baby”.

Un filone che ha particolare successo d’estate, oggi come ieri, è quello latino americano, che negli anni ’90 ci ha regalato vari tormentoni: chi non ricorda la Macarena dei Los del Rio, suono dell’estate 1996 con tanto di contagioso balletto? estate poi significava Ricky Martin, protagonista di un tris di tormentoni tra il 1997 e il 1999 come “Maria”, “La copa de la vida” e “Livin’ la vida loca”. Non da meno anche Jennifer Lopez, colonna sonora dell’estate 1999 con il suo primo singolo “If you had my love”, insieme a “Mambo No. 5″ di Lou Bega, a “Vamos a la playa” di Miranda e a “La flaca” di Jarabe de Palo.

Abbiamo dimenticato qualche tormentone? Sicuramente sì, e allora segnalateci tra i commenti i vostri pezzi preferiti (oppure quelli più odiati) delle estati anni Novanta.