Un sintomo fastidioso ma anche un meccanismo di difesa naturale per liberare le vie respiratorie.

Varie sono le cause della tosse: può essere un corpo estraneo che irrita le vie respiratorie, una boccata d’aria inquinata, un’infezione provocata da virus o batteri. È frequente durante la stagione fredda a causa delle numerose infezioni a carico delle prime vie aeree.La tosse può colpire soprattutto i bambini più piccoli che hanno un sistema immunitario ancora immaturo.

Spesso si tratta di un fastidio passeggero che guarisce da solo in pochi giorni senza bisogno di ricorrere ai farmaci. In quanto alle cause della tosse, le più frequenti sono: le infezioni respiratorie acute causate da virus, l’asma, ma anche l’aspirazione di corpi estranei. È importante sottolineare che l’inalazione di piccoli oggetti è una possibile causa di tosse che, dopo una fase critica, si attenua fino a scomparire, ma lascia conseguenze da non trascurare.

Altre cause della tosse sono il fumo, l’inquinamento, ma anche lo stress emotivo. E proprio perché sono varie le cause della tosse, si pone la necessità di una diagnosi corretta per individuare un trattamento efficace e sicuro. Comunque, poiché è un meccanismo di difesa naturale dell’organismo, la tosse non dev’essere bloccata. Ma bisogna alleviarne il fastidio. Come? In vari modi.

Umidifica le vie respiratorie con l’aiuto di aerosol con la soluzione fisiologica: il vapore inalato aiuta a sciogliere il muco. Tieni fresca la sua stanza con una temperatura di 19-20° e assicura un’adeguata umidificazione dell’aria installando un deumidificatore nella stanza del piccolo o appendendo apposite vaschette con acqua sui termosifoni. Non aggiungere, però, sostanze balsamiche che potrebbero irritare di più.

Dai da bere spesso al bambino. Meglio le bevande calde, alle quali puoi aggiungere del miele se il bambino ha più di un anno. Le bevande calde idratano e ammorbidiscono le prime vie respiratorie, riducono l’irritazione della faringe e fluidificano le secrezioni. E poi fai più volte al giorno la pulizia delle cavità nasali con la soluzione fisiologica prima di mangiare e prima di andare a letto. Ricordati di lavarti sempre le mani con acqua e sapone prima e dopo il lavaggio nasale.

Anche gli aspiratori nasali sono utili per liberare il naso, soprattutto nei bambini più piccoli, che possono trovare sollievo a letto dormendo sulla schiena con il materasso leggermente sollevato dalla parte della testa, magari inserendo sotto il materasso una coperta piegata.

Solo se il bambino è abbastanza grande puoi fargli le inalazioni di vapore caldo, i cosiddetti suffumigi. Sarà sufficiente far respirare i vapori sprigionati dall’acqua bollente contenuta in un recipiente, mettendogli un asciugamano sulla testa. Dovrai mostrare al bambino come fare o magari in un primo momento farli insieme a lui. In ogni caso non lasciarlo mai solo neppure per un attimo e tieni saldamente il recipiente con l’acqua calda. E ultimo, ma non meno importante consiglio: non fumare in casa, neppure al di fuori della camera in cui il bambino dorme.