Un oggetto d’arredamento? No, un computer: B-Membrane. Venuto fuori dalla mente e dalla matita del coreano Won-Seok Lee, B-Membrane è un oggetto dal design indubbiamente futuristico e versatile nelle funzionalità, che potrebbe aprire la strada verso un nuova idea di computer.

Impossibile classificarlo come laptop o desktop in quanto lo si può usare sia in casa che in ufficio grazie alle sue dimensioni ridotte. E lo shermo? Non c’è! Un proiettore orientabile, posto sull’estremità più alta, prende il posto dell’ormai obsoleto monitor per consentire la visualizzazione delle informazioni su qualsiasi superficie.

Potete anche dire addio a tastiere ingombranti e rumorose: al momento opportuno apparirà una console touch-screen sulla base di B-Membrane (inspirata al film “A Space Odissey” di Kubrick). Un lettore ottico è la ciliegina sulla torta di questo sinuoso PC che, tra l’altro, può anche essere utilizzato come fonte di luce, con bellissimi effetti luminosi.

B-Membrane è ancora in fase di concept e dovremo aspettare ancora qualche anno per la distribuzione ma, in materia informatica ed elettronica, pochi anni corrispondono ad un intera era geologica e chissà, per allora, forse anche la creatura di Lee sembrerà obsoleta.