Nei luoghi d’Italia in cui la terracotta ha sviluppato una produzione e un commercio fiorenti, si usa dire che l’uomo ideale una donna in età da marito possa farselo costruire dagli artigiani. In realtà, trovare l’uomo perfetto non è molto diverso dal trovare il vestito perfetto, per di più a una svendita. La concorrenza è troppa, e l’abito dei vostri sogni sarà sicuramente sotto una pila di baby doll fuori moda in simil-acrilico.

È molto dura per un sacco di donne trovare l’anima gemella. Capita soprattutto a trentenni e quarantenni, che magari escono da sempre con gli stessi amici di una vita, e che forse escono da una lunga e duratura relazione o persino da un {#matrimonio}. È così difficile rimettersi in sella e in molti casi si finisce delusi dalle persone che abbiamo conosciuto per caso, un po’ come quando si va a comprare un montone sintetico e poi si scopre che una serie di piccoli daini hanno dato la vita per il nostro capo di gran moda.

Inoltre, c’è sempre quel senso di sconforto a conoscere gente su Internet o attraverso un annuncio. Ci sembra quasi di essere all’ultima spiaggia, ma in fondo in molti casi è solo così che si conosce gente nuova. Conoscere gente nuova e diversa: questo è il punto. Allora perché non mettere in pratica la filosofia dei tre gradi di separazione? Ora, in molti sanno cos’è la teoria dei sei gradi di separazione: tra noi e chiunque altro su questo pianeta ci sono al massimo sei contatti in comune. In altre parole, noi conosciamo qualcuno amico di qualcun altro che, a sua volta, ha rapporti con un’altra persona, così per sei rimbalzi fino ad arrivare al nostro attore o cantante preferito.

I tre gradi di separazione funzionano analogamente: forse la nostra anima gemella si può trovare tra gli amici dei nostri amici. E qui amici va inteso in senso lato, ossia come conoscenti dei nostri conoscenti, perché è normale che se frequentiamo delle persone da una vita avremmo già conosciuto tutti quelli che sono a loro più cari.

Naturalmente, come alle svendite, non ci dobbiamo fermare alla prima ipotesi che ci troviamo davanti, perché i falsi sono molto più diffusi di quanto non crediamo. Per cui, non scoraggiamoci se i primi uomini che incontriamo sono estremamente noiosi: non è un luogo comune che per ognuno di noi c’è qualcuno pronto ad amarci e, soprattutto, l’amore è sempre dietro l’angolo quando meno ce lo aspettiamo.