Si dice trench, si pronuncia Humphrey Bogart. Grande ritorno sulla scena modaiola del capo in gabardina nato agli inizi del 1900 su richiesta del Ministero della Guerra inglese che ordinò alla ditta Burberry (che poi lo rese famoso) un cappotto metà impermeabile, metà cappotto militare. Un pezzo di storia mai passato di moda che quest’anno viene riproposto in decine di varianti, dal classico di Ferragamo a quello smanicato di Yves Saint Laurent passando per quello traslucido dalla linea pulita di Max Mara. Tanti i colori proposti per la primavera che strizzano l’occhio alle prime giornate di sole: dal classico kaki al blu, arancione, rosso e bianco fino anche alle fantasie floreali e geometriche.

Se per i modelli c’è da sbizzarrirsi, più attenzione deve porsi per i dettagli che evitano di trasformare un trench all’ultimo grido in un capo da tenere nell’armadio. Dal modello corto simil bolerino a quello al ginocchio, la scelta dipende dalla propria corporatura: basta ad esempio sapere che il trench a metà coscia aiuta a slanciare la figura. Altro dettaglio non trascurabile? La cintura: rigorosamente annodata in vita (non proprio al centro ma spostata verso sinistra) a dare forma al trench.

Galleria di immagini: Il trench: collezioni 2011

Adatto sia da giorno che da sera (tutto dipende dal colore e, volendo, da aggiunte quali pizzi, borchie o pellicce) il trench può essere portato su mise diverse e ogni volta reso riconoscibile da un accessorio. Classico il foulard svolazzante annodato al collo: dà un tocco di colore e ci fa sentire veramente glamour. Altrettanto classico il pantalone skinny, attillato e alla caviglia: un abbinamento evergreen che però dona solo a chi ha gambe snelle, soprattutto perché da portare con ballerine basse per un total look estremamente chic.

Chi non se la sente o non può puntare alla scarpa senza tacco, allora vadano pure gli stivali al ginocchio (magari su un pantalone stretch) o i sandali aperti. Novità in linea con il ritorno del floreale anni Settanta, l’abbinamento con gli abiti lunghi e svolazzanti: un bel contrasto tra la linea più geometrica del trench e l’aria leggere e fru fru dei vestiti stile hippie.

Se siete pronte per il trench allora osate pure e se il budget non permette grandi spese non preoccupatevi: H&M vi viene incontro con qualche idea nata dalla collaborazione con Lanvin. La proposta, ormai del 2010 ma sempre attuale, osa con stampe animalier, una in total black, più sobria, e un’altra nei toni più neutri.