Trovare un secondo lavoro è attualmente una scelta molto diffusa, soprattutto a causa della crisi economica che continua a causare disagi a cittadini, famiglie e imprese. Per molti lavoratori si rende quindi necessaria la ricerca di una seconda fonte di guadagno, spesso indispensabile per poter disporre di un cuscinetto finanziario che consenta di ammortizzare le spese mensili.

Come orientarsi dunque nella scelta di un secondo lavoro? Per evitare che la carriera principale venga sovraccaricata o addirittura lesa dagli impegni aggiuntivi, è fondamentale effettuare a monte una ricerca mirata e orientata su mestieri che possano combinarsi con il primo lavoro, senza tuttavia rinunciare completamente al tempo libero.

Il primo criterio da adottare osservando le possibilità del mercato è dunque la flessibilità. Il settore terziario si presta molto bene a questo tipo di esigenze e permette di scegliere una posizione che favorisca il mantenimento del proprio stile di vita: lavorare part-time in un negozio di abbigliamento ad esempio, consentirebbe anche di avere uno sconto sui vestiti acquistati, garantendo un certo risparmio.

Lavorare in un bar o caffetteria può essere una soluzione ideale per chi frequenta questi posti abitualmente, ed è inoltre un impiego che generalmente risulta divertente e stimolante. Un’altra soluzione può essere il lavoro stagionale, adatto a chi non ha l’esigenza di un impiego extra durante tutto l’anno. In estate, infatti, moltissimi esercizi commerciali si trovano a dover integrare il personale per sostenere il flusso maggiore di clienti tipico della stagione turistica.

Sfruttare le proprie abilità e passioni rendendole competenze professionali è inoltre possibile grazie all’attività di freelance, ormai diffusa in moltissimi settori. Se siete abili con la scrittura ad esempio, potreste collaborare con testate giornalistiche, agenzie di comunicazione o case editrici, scrivendo articoli o correggendo le bozze editoriali.

La formula freelance (espressione linguistica inglese che corrisponde all’italiano lavoratore autonomo) può essere applicata a moltissimi tipi di mestieri, per quanto sia maggiormente diffusa tra i cosiddetti lavori creativi: scrittura, grafica, fotografia, Web design, progettazione informatica, artigianato creativo e tutte quelle mansioni che richiedono l’applicazione di idee personali a progetti concreti.

Cercare un impiego che coincida con i propri interessi, sembrerebbe dunque la soluzione migliore per svolgere due attività mantenendo comunque un soddisfacente stile di vita.

Un’ulteriore possibilità è rappresentata dall’independent business: aprire una propria attività, magari da casa, consentirebbe di unire entrambe le carriere. Se si ha la passione per la cura dei fiori o per qualche forma di artigianato, perché non sfruttarla per avere un introito extra? Grazie a internet è possibile, ad esempio, aprire uno shop on-line in modo semplice ed economico.

Ci si può infine orientare con successo nell’ambito dei servizi, offrendo privatamente prestazioni occasionali come baby sitter o dog sitter (quest’ultimo mestiere ha avuto un vero e proprio boom negli ultimi anni), o ancora ci si può proporre come cuoco a domicilio organizzando cene e rinfeschi in casa, per singoli pasti o piccoli catering.

Fonte: EHow Money