Anche oggi parliamo di AIDS: se qualche giorno fa vi abbiamo informato sul aumento di contagio del virus, oggi uno studio pubblicato dal New England Journal of Medicine ci informa che l’uso quotidiano di una pillola potrebbe ridurre il rischio di infezione del virus HIV.

La pillola, Truvada, è stata testata su 2.499 persone provenienti da Perù, Ecuador, Brasile, Stati Uniti, Sud Africa e Thailandia, le quali hanno assunto il farmaco per tutto l’arco dell’indagine, ovvero dal 2007 al 2009.

I soggetti sono stati divisi in due gruppi, a uno è stata somministrata la pillola Truvada: una combinazione di due farmaci antiretrovirali, il tenofovir e l’emtricitabina; mentre all’altro gruppo è stato dato del placebo. Contemporaneamente, una volta al mese tutti i partecipanti sono stati sottoposti ai test per l’Hiv e le altre infezioni sessualmente trasmesse.

Per coloro che hanno assunto regolarmente il farmaco, il risultato stato di aver ridotto del 73% il rischio d’infezione da HIV, diversamente dal secondo gruppo. In pratica, il farmaco interferisce con la capacità del virus di replicarsi all’interno delle cellule.

Gli scienziati, però, affermano che il farmaco è ancora in fase sperimentale, dato che si tratta di una cura non priva di effetti collaterali, tra cui lo sviluppo di ceppi di HIV resistenti. Insomma, ancora una volta l’arma migliore per ridurre il rischio di contagio è il preservativo.