La petite robe noir, o tubino nero, è stata creata da Gabrielle Chanel nel 1926 con l’intento di dare alle donne un abito da indossare per essere sempre eleganti. Da sempre, infatti, è indicato come un passepartout, tanto che negli anni Cinquanta la giornalista Camilla Cederna lo chiamava “scemarello“: l’abito con il pregio di andare dappertutto, tanto a cena quanto a un tavolo di canasta.

Cosa rende unico il tubino nero? Gli accessori, ça va sans dire: vediamo allora quali scegliere per la vigilia o per il pranzo di Natale.

Galleria di immagini: Tubino nero, gli abbinamenti per indossarlo a Natale

  • Scarpe: chi ama le altezza può impreziosire il semplice e lineare tubino nero con le più classiche delle décolleté di Casadei, quelle con tacco Blade, impreziosito però da glitter e decorazioni di pietre. Chi, invece, ha scelto un tubino nero cortissimo e ha gambe lunghe può optare per gli Allegs ultrastrech di Stuart Weitzman. Arrivano sotto al ginocchio ma sono altrettanto pregiati gli stivali neri di Santoni, con il cuoio incrociato sulla parte posteriore, un dettaglio elegantemente sexy che strizza l’occhio al mondo della lingerie. Non solo ballerine: per Natale, infatti, si può osare con il mocassino con fiocco di lapin di Trenta 7. Se invece alle ballerine proprio non sapete rinunciare, Castañer propone una ballerina a punta in tweed con cinturino sottile.
  • Borse: perfetta la mini trunk rossa di Marni. L’estetica minimalista di questa tracolla simbolo della maison milanese piccola si sposa alla perfezione con il tubino nero. Chi ama le tote bag può abbinare, invece, il modello rosso di F2A, la borsa disegnata da Federica Gatti in cavallino con manico in metallo. Ancora borse a mano: la pochette in pelle di Giuliana Mancinelli Bonafaccia con manici in cordone intrecciato metallico e applicazioni in ottone bagnato nell’oro roso e swarovski oppure la maxi clutch rosso, nero e argento di Federica Berardelli.
  • Guanti, sciarpe e cappelli: deliziosi i guanti lunghi in pizzo nero della capsule collection Midnight di TWIN-SET Simona Barbieri che richiama gli sfavillanti anni ’20 dallo spirito bon ton e seducente. Un tocco glamour in più il foulard skinny glitter dorato di Stradivarius. Per le più freddolose, invece, al collo si può mettere una calda pashmina stampata come quella di Toosh o rossa come quella di COS. In testa? Un vero gioiello il cappello con coroncina dell’Antica Manifattura Cappelli di Patrizia Fabri.
  • Gioielli: originale il bangle di Stella McCartney in ottone e cristalli. Meno appariscenti gli orecchini cascata di Giovanni Raspini della collezione Aria. Swarovski, invece, propone il Bracciale Bound con due cinturini intercambiabili in vitello nero e in pelle tinta nudo, per trasformare lo stile in base all’occasione. L’attualissimo elemento a catena grumetta è impreziosito dalla luminosità del pavé di cristallo.