Sono continue le manifestazioni di raccolta fondi per sostenere la ricerca contro il tumore al seno, oggi sempre più facile da affrontare per una donna. Una di queste, forse la più famosa a riguardo, è la maratona che ogni anno viene fatta in diverse città di Italia e che domenica scorsa è stata ospite a Roma.

È la Race for the cure che, nonostante la giornata piovosa, ha contato la presenza di 45 mila iscritti, e ha interessato il Circo Massimo, Piazza Venezia, Via dei Fori Imperiali e Colosseo in un percorso di 7 Km.

La novità di quest’anno però è stata un gadget particolare, la bicicletta della salute, la prima bicicletta per la lotta al tumore al seno. Sulla sua sella, alla presenza dei numerosissimi partecipanti, sono stati fatti gli autografi delle due madrine di eccezione dell’iniziativa, Maria Grazia Cucinotta, volto ormai noto dell’evento, e Rosanna Banfi, figlia del celebre attore Lino, che ha fatto parte delle “Donne in rosa”, cioè di tutte quelle donne che indossando cappellino e maglia rosa, dimostrano di aver combattuto contro questa brutta patologia.

La bici quindi, chiamata BikeArt, è una bicicletta da corsa Kuota, del tutto femminile, completamente dipinta dall’artista Roberto Spadea, e donata a Komen Italia dal Giro D’Italia Femminile. La sua utilità sarà quella di concorrere alla raccolta fondi per la cura e la prevenzione dei tumori al seno. Il pezzo, infatti, sarà presente alle prossime Race for The Cure che si terranno a Roma, Bari, Napoli e Bologna, nonché alle 10 tappe del Giro d’Italia Femminile, che passerà dal Friuli Venezia Giulia alla Lombardia, attraversando anche Piemonte e Veneto. Concluso il giro d’Italia poi, la BikeArt sarà venduta all’asta e l’intero ricavato sarà ovviamente devoluto alla ricerca contro il tumore al seno.