D’accordo, magari alla fine sarà la solita commediuccia romantica, interpretata da attori e attrici giovani e belli, con il lieto fine che ci si aspetta.

Però, “Tutto l’amore del mondo”, il film che sarà nelle sale dal 19 marzo, vale la pena vederlo. Se non altro per le ambientazioni: Barcellona, Amsterdam, Parigi e Londra. Insomma, quattro tra le più belle città d’Europa che il protagonista, interpretato da Nicolas Vaporidis, deve visitare per poi scriverne una guida turistica.

La trama parla di un giovane emergente scrittore di guide, al quale i datori di lavoro danno l’incarico di scriverne una intitolata “Tutto l’amore d’Europa”. Aggiungeteci un creativo e squinternato fotografo che lo accompagna, e due ragazze, che completeranno l’intreccio amoroso, e ottenete il plot di partenza della pellicola.

I personaggi femminili sono interpretati da Ana Caterina Morariu, che abbiamo già visto in “Il mio miglior nemico” di Carlo Verdone e nello sfortunato “Il sangue dei vinti” di Michele Soavi, tratto dall’omonimo libro di Giampaolo Pansa, e Myriam Catania, attrice emergente nonché moglie di Luca Argentero.

Ovviamente la trama poi si sviluppa, ma al di là di questo, l’idea è di quei film che annunciano l’inizio della primavera e ci fanno assaporare in anticipo l’estate.

Già guardando il trailer cresce la voglia di viaggiare, quindi, soprattutto se amate le avventure on the road, questo film fa per voi.