Antiestetiche strie, prima di colore rossastro, poi bianche: sono le temutissime smagliature, veri e propri strappi del derma (lo strato intermedio della cute) contro i quali, lo diciamo subito, la prevenzione è l’arma migliore. Possono interessare la pancia, il seno, i fianchi, i glutei, le cosce, ma anche le braccia o i polpacci e si formano per diverse ragioni, prima fra tutte una predisposizione costituzionale di alcune donne a una minore elasticità della pelle. Inoltre, subentrano fattori ormonali: in particolare, sembra che la pelle delle giovanissime sia maggiormente influenzata dall’attività ormonale e questo spiega perché alcune donne abbiano cominciato a combattere le smagliature proprio durante lo sviluppo o perché le neomamme ventenni presentino più strie di quelle che hanno superato i 35 anni.

La gravidanza è comunque un periodo di forte stress per la pelle a causa dell’aumento di peso durante la gestazione: una tensione improvvisa del derma imputabile all’accumulo rapido di chili è quindi il fattore meccanico che può causare le smagliature. Ecco cosa fare per prevenirle:

1. Attente ai chili! Ingrassare in gravidanza è inevitabile, ma non prendete più chili del necessario: una futura mamma normopeso non dovrebbe aumentare di peso di più di 12 chili.

2. Cura sotto la doccia. Preferite un detergente senza tensioattivi che non sia troppo aggressivo nei confronti della vostra pelle: seccarla troppo, eliminando il film idrolipidico, vuol dire predisporla alle smagliature. Provate invece un olio detergente che ne preserverà l’idratazione.

3. Scrub? Una volta alla settimana, coccolatevi con uno scrub che stimoli il ricambio cellulare: scegliete una formulazione in microgranuli contenente anche olii utili a mantenere la pelle elastica.

4. Idratare, sempre. Può sembrare scontato, ma è l’idratazione a fare la differenza: prendete la buona abitudine di applicare sulla pelle fin dai primi mesi (prima ancora che la pancia sia evidente) creme ricche. Ma attenzione all’INCI! Evitate i prodotti che contengono oli minerali come parabeni, petrolati, siliconi e paraffina. All’inizio, la vostra pelle potrà sembrarvi più liscia e levigata, mentre in realtà, sotto lo strato occlusivo creato da queste sostanze, si sta seccando. Preferite allora quelle creme che contengono olio di mandorle dolci, jojoba, karité, avocado, germe di grano, olio d’oliva, olio oleocantale e burro di cocco.

5. Un aiuto a tavola. Come sempre, l’alimentazione svolge un ruolo importantissimo: anche se non esistono cibi capaci di prevenire le smagliature, alcune vitamine possono aiutare le future mamme ad avere una pelle più elastica. Si tratta di frutta, verdura, legumi e oli vegetali, ricchi di vitamine C ed E. Altra sostanza utile è la vitamina F, composta da acidi grassi essenziali come omega 3 e omega 6: si trova nel pesce, ma anche nella frutta secca. Con un occhio alle calorie, via libera quindi a mandorle, nocciole e noci.

Galleria di immagini: Beauty Case mare: i prodotti di bellezza indispensabili da portare in spiaggia con te

photo credit: Jenn Lewald via photopin cc