E’ uno di quegli apparecchi casalinghi che mettono sempre in crisi un genitore. Perché costringere i propri figli a guardare poca televisione è una battaglia continua. Ma necessaria se stiamo allo studio pubblicato sul Journal of Communication da Amy Nathanson e colleghi della Ohio State University.

I dati rilevano che i bimbi in età prescolare esposti alla tv possono incorrere in uno “spegnimento” dello sviluppo cognitivo e sociale. Il problema sussiste soprattutto quando i bambini hanno la televisione in camera, ma anche quando sono esposti ad un rumore di fondo e continuo dell’apparecchio.

Gli esperti hanno intervistato 107 coppie di genitori e sottoposto altrettanti bimbi a una serie di test. Risultato? Maggiore era il livello di esposizione alla TV, minore era la capacità del bambino di capire pensieri e modi di fare altrui, indipendentemente dall’età e da fattori socioeconomici che possono ovviamente rallentare o accelerare lo sviluppo cognitivo e sociale del piccolo.

Ora non siate catastrofici, ma stabilite delle regole. Non fate accendere a vostro figlio la tv la sera per indurre il sonno o la mattina prima di andare a scuola. Evitate di tenerla accesa inutilmente, perché il sottofondo è ingombrante per la sua mente, e, soprattutto, non posizionategliela in camera.