Tra qualche mese inizieranno le riprese dell’ultimo capitolo della saga romantico-vampiresca di “Twilight“, “Breaking Dawn“, che sarà diretto da Bill Condon e che vedrà il ritorno nei cinema del trio composto da Robert Pattinson, Kristen Stewart e Taylor Lautner.

Da molti mesi ormai si discute sulla possibile sceneggiatura del film, poiché il romanzo omonimo da cui è tratta la pellicola è sicuramente quello più esplicito, in termini di sesso e violenza, dell’intera saga letteraria e cinematografica. Pertanto il film rischia la censura ai minori di 13 anni. Nonostante le rassicurazioni del regista e della sceneggiatrice, i fan e la critica sono molto preoccupati a riguardo.

Lo stesso trailer della Summit lascia abbastanza perplessi, in quanto è pieno di rimandi espliciti alla violenza e scene molto hot.

Zimbio ha individuato cinque scene, tratte dal romanzo, che porterebbero il film a essere sicuramente censurato.

La prima scena riguarda la luna di miele dei protagonisti, Bella e Edward. Nei precedenti film della saga, il tutto viene descritto come una semplice tensione sessuale tra i due innamorati. Inoltre Edward mostra al massimo i pettorali e nulla di più, invece in “Breaking Dawn“, Bella ed Edward consumeranno la prima notte nuziale.

Le parole di Bella a riguardo, tratte dal libro della Meyer, sono esplicite:

“Fissai il mio corpo nudo sullo specchio grande dietro alla porta. Avevo sicuramente avuto la peggio. Apparivo come un’ombra esile tra due zigomi, le mie labbra erano gonfie. Il resto del corpo era tappezzato di chiazze blu e viola.” (Cap.5, pg.75)

Nel secondo capitolo di “Breaking Dawn“, una scena da censurare per il carico di violenza e horror riguarda il sogno di Bella. Bella, infatti, sogna un neonato vampiro: secondo le descrizioni di Carlisle, si tratta di bambini assetati di sangue, capaci di distruggere interi villaggi. Nel sogno di Bella, il bambino viene così descritto:

“Ancora piccolo il bambino aveva al massimo due anni. Riccioli castano chiaro ne incorniciavano il viso da cherubino, le guance tonde e le labbra piene”. (Cap.2, pg.44)

Il bambino però è seduto su un cumulo di corpi umani morti, tra cui anche i genitori di Bella oltre ai suoi amici. Così conclude:

“Il bambino aprì gli occhi, luminosi e rossi come il sangue”.

La terza scena incriminata e molto discussa è sicuramente quella del parto. Bella partorisce in maniera molto dolorosa una bambina e, per salvarle la vita, Edward la trasformerà in vampiro. La descrizione della scena non lascia dubbi:

“Non fu soltanto un urlo, ma un grido di agonia da gelare il sangue…poi Bella vomitò una fontana di sangue”. (Cap.17 pg.316)

La quarta scena, invece, riguarda la prima uscita di Bella da cacciatrice-vampiro. Il capitolo 21 ben descrive una scena piena di horror e splatter:

“I miei denti erano rasoi d’acciaio: tagliarono la pelliccia, il grasso e i tendini come se non ci fossero”. (Cap.21 pg.382).

L’ultima scena riguarda l'”imprinting” di Jacob. Nel capitolo 37, Jacob pone il suo imprinting su Renesmee, la neonata figlia di Edward e Bella. La situazione suona molto strana: l’eterno rivale in amore, Jacob, scopre che il suo cuore appartiene a una bambina. Inoltre Edward saluta Jacob dicendo:

“Addio Jacob, mio fratello..figlio mio”.(cap.37)

Così Jacob da nemico in amore diventa genero, nel giro di qualche pagina. La scena suona immorale… e a rischio di censura.

Le cinque scene incriminate rappresentano tutte dei passaggi topici del libro e quindi del film. La loro realizzazione su pellicola deciderà l’eventuale e possible censura.