A Londra una ragazza ha condotto un piccolo, geniale esperimento sociologico. Le premessa è semplice: gli uomini si comportano diversamente a seconda che la donna che sta loro davanti sia più o meno sexy? La risposta è assolutamente affermativa.

In Inghilterra tutti parlano di Caroline, una bella studentessa che ha realizzato per Current TV questo servizio, che smonta ogni pretesa freddezza britannica (su quel che sarebbe accaduto nei paesi mediterranei, in particolare l’Italia, non c’è dubbio): di fronte a un esplicito richiamo sessuale, gli uomini mostrano una totale incapacità di comportarsi come si comporterebbero in una qualunque altra situazione.

Galleria di immagini: Intimo sexy

Il sesso è un’attrativa irresistibile. La morale? Le belle ragazze possono approfittarne.

Un viaggio in autobus senza biglietto, uno strappo gratis in taxi sono impossibili per la Caroline in versione acqua e sapone e vestita maluccio, che deve pagare per tutti i servizi che vuole, mentre quando esce di casa in versione molto più sexy, i conducenti sono ben lieti di chiudere un occhio (anzi, sarebbe meglio dire che li aprono bene entrambi) e le porte si aprono, i commessi ti fanno regali, al pub ti offrono da bere.

Il video, inserito in un divertente commento sul Guardian intitolato “Sexy girls have it easy” (le ragazze sexy ce l’hanno comoda) mostra persino il risparmio in sterline dovuto ai benefici di un trucco e abbigliamento di un certo tipo durante una giornata tipo di spostamenti e piccoli favori. Una specie di economia della bellezza: 23,70 sterline contro le misere 3,20 accumulate quando era vestita come una suorina.

Ma la psicologia del maschio non è l’unica spiegazione. Secondo gli esperti anche quella femminile c’entra, perché la ragazza è visibilmente più spigliata e a suo agio con i tacchi e il rossetto, e questo spiega la pressione psicologica che riesce a produrre nell’interlocutore.

Insomma, sentirsi belle aiuta a ottenere tanti piccoli successi nella vita e questo dovrebbe suggerire quanto sia importante curare il proprio aspetto. Più per sé stesse che per gli altri.