Matrimonio a Natale 2011, idea originale o follia? Sono sempre più le coppie che scelgono le festività invernali per contrarre nozze, approfittando della tempistica perfetta. Con frequenza crescente, i novelli sposi si trovano impossibilitati a prendere ferie dal lavoro, così si approfitta della tipica pausa di fine dicembre, sufficientemente lunga sia per il rito che per la luna di miele. Inoltre, così facendo si può approfittare della presenza di tutta la famiglia, senza costringere i parenti a lunghi viaggi in altri periodi dell’anno.

Galleria di immagini: Matrimonio a Natale

Un {#matrimonio} a Natale 2011, tuttavia, richiede un’organizzazione senza pari. Per non finire di essere scambiati con Babbo Natale, e nemmeno trasformare il banchetto nuziale nella mangiatoia di Gesù Bambino, è necessario evitare l’eccesso, dosare sapientemente i colori e scegliere la data giusta. Sì, perché il classico 25 dicembre dovrebbe essere lasciato alle celebrazioni della natalità, mentre nessun invitato vorrà rinunciare ai festeggiamenti del 31 dicembre. Il giorno perfetto, perciò, si trova tra Santo Stefano e San Silvestro o, in alternativa, poco prima della Befana.

Decisa la data, si ha più o meno un mesetto per organizzare il tutto. A partire dall’abito da sposa, che dovrà essere rigorosamente confezionato in colore bianco, con qualche piccolo inserto – sia di decorazione o passamaneria che di gioielli – argento. Sulle spalle, dato il freddo, una delicata mantella in simil-ermellino, rigorosamente ecologica perché la sposa moderna non può affatto prescindere dall’amore per gli animali. Per evitare l’effetto “pupazzo di neve”, lo sposo dovrà invece prediligere i colori scuri, quali il nero o il blu notte, per far da contrasto all’amata e, perché no, anche alle possibili nevi di quei giorni.

Più libertà, invece, per quanto riguarda il bouquet. L’importante è che vi siano dei rimandi al verde scuro, a cui si aggiungeranno dei fiori crema. Meglio evitare, invece, le decorazioni dai petali rossi, per non scadere nell’effetto pungitopo che, con tutta probabilità, sarà ampiamente diffuso fra le decorazioni della location sia della cerimonia che dei festeggiamenti.

Un punto dolente delle nozze natalizie, purtroppo, sono gli inviti e le bomboniere. Il rischio è quello di trasformare partecipazioni e ricordi in vere e proprie cartoline vacanziere, quindi severamente vietati saranno tutti i richiami alla neve, agli alberi natalizi e, ovviamente, alla natalità. Non si vorrà, infatti, che gli invitati scambino l’invito a nozze per l’annuale cartolina di auguri del proprio commercialista. Per le partecipazioni, si prediliga la semplicità: un foglio di candido, crema o perlato con scritte in tenue marrone avrà sicuramente successo. Per la bomboniera, invece, non bisognerà cadere nelle tentazione di regalare una boule-de-neige con gli sposi ritratti su sfondo montano: nulla di più kitch. Per non dare troppo nell’occhio, si potrebbe puntare sul ricordo utile: vi sono moltissimi oggetti di design, di cui gli strumenti per la degustazione del vino vanno per la maggiore, che di certo faranno felici tutti gli invitati.

Il tema natalizio, invece, potrà essere richiamato per i dolci. Ad esempio, si potrebbe approfittare del periodo per scegliere il tronchetto di Natale, opportunamente modificato con cioccolato bianco anziché classico, come gustoso piatto per gli invitati. E, perché no, in tarda sera all’ultimo brindisi si potranno distribuire fette di pandoro o panettone. Quest’ultimi, tuttavia, non dovranno affatto essere i dolci principali per i festeggiamenti. Se la soluzione del tronchetto dovesse risultare poco elegante, si può optare per una bellissima torta nuziale a più piani di pan di spagna bianco, abbellita da ricami floreali rossi.

Decisamente più rilassata è, infine, l’organizzazione della chiesa. Quasi tutte le parrocchie avranno già provveduto ad abbellire il luogo, quindi non si dovranno spendere capitali ingenti per l’addobbo floreale. L’unica accortezza è quella di avvisare il sacerdote con larghissimo anticipo, perché potrebbe essere difficile ritagliare uno spazio tra le numerosissime funzioni religiose delle settimane di dicembre.

Fonte: About.com