Nei racconti, nei romanzi o nei film dell’orrore, uccidere un vampiro è un’impresa ardua, ma non impossibile. Nel calderone del cinema hollywoodiano lo sembra ancora di più, se per trovare chi si prenda la briga di far fuori dei vampiri serve un remake.

Infatti, dopo il successo di una serie TV (il cultissimo “Buffy-l’ammazzavampiri) e pellicole come quella del 1985, arriva ad hoc un rifacimento proprio di quest’ultima. In un periodo in cui i vampiri sembrano tornati molto “di moda” – pensiamo a “Twilight e New Moon” – non stupisce sapere che la Dreamworks dice di sì ad un remake de “L’ammazzavampiri” di Tom Holland.

Al progetto sta lavorando la sceneggiatrice Marti Noxon, che già si era occupata di “Buffy”, mentre il regista potrebbe essere Craig Gillespie, che aveva diretto il bizzarro “Lars un una ragazza tutta sua”.

Il remake non dovrebbe subire modifiche nella trama, che sarà come quella del film originale. Infatti, ci sarà un giovane protagonista che scoprirà che i suoi vicini di casa sono dei vampiri. Ma la pellicola del 1985 non era già sufficiente?