A “La petite cuisine à Paris“, si respira molto più che un’atmosfera intima e familiare. Sì, perché questo ristorante parigino è talmente piccolo da poter ospitare solo due coperti e si trova nell’appartamento in cui vive la sua proprietaria, nonché cuoca e cameriera. Lei si chiama Rachel Khoo, è una cuoca londinese che ha deciso di esportare la propria arte in terra francese e lo ha fatto con un’idea economica e originale ma di sicuro successo.

Il suo ristorante inizia e finisce in una stanza, in cui si trovano un tavolo, due sedie, un fornello e un lavandino, mentre il soggiorno della casa ospita il frigorifero e gli utensili da cucina. I clienti sono letteralmente impazziti per l’idea poco convenzionale e, ovviamente, trovare un posto è quasi impossibile a meno che non si prenoti con mesi di anticipo.

Galleria di immagini: Ristorante più piccolo di Parigi

I due fortunati che ogni giorno hanno la possibilità di mangiare a “La petite cuisine à Paris”, che si trova a Belleville, possono godersi un pasto di ben tre portate, più vino e acqua, alla modica cifra di 25 euro. Ecco perché il ristorante che ha fatto innamorare gli amanti delle tendenze più stravaganti riesce ad attirare sempre più clienti che, con pochi euro, possono fare un’esperienza differente.

Differente ma, al tempo stesso, esclusiva e di qualità perché se è vero che il ristorante è semplice, poco lussuoso ed economico, è altrettanto vero che Rachel propone solo pietanze raffinate e di ottima qualità, operando una sorta di rivisitazione della cucina francese in chiave moderna e personalissima.

Gli ingredienti utilizzati sono tutti freschissimi e acquistati ai mercati o nei negozi più caratteristici di Parigi e presto le sue ricette saranno tutte raccolte in un libro.

I curiosi, ma soprattutto quelli interessati a gustare le creazioni di Rachel Khoo nel ristorante più piccolo di Parigi, possono visitare il suo sito web e consultare il calendario delle prenotazioni per trovare una data disponibile. Le prenotazioni si effettuano via mail, ma è possibile apprendere tramite Facebook o Twitter se si libera il posto all’ultimo minuto.