Una prima serie di test clinici ha dimostrato l’efficacia di un vaccino contro la malaria e fa ben sperare per poter combattere in futuro questa malattia che causa ancora oggi circa 780 mila morti ogni anno in tutto il mondo. Il vaccino contro la malaria si chiama RTS,S ed è stato realizzato dalla GlaxoSmithKline, società farmaceutica britannica.

Per realizzare tale vaccino ci sono voluti più di 25 anni di sviluppo e le ricerche sono anche state finanziate dalla fondazione di Bill Gates, fondatore di Microsoft ma ormai impegnato da tempo insieme alla moglie nella beneficenza. I test sulla sostanza antimalarica dovranno continuare ancora per qualche tempo, ovvero fino al 2014, e comprenderanno ulteriori esami e verifiche su circa 15 mila bambini. Intanto, fino a oggi il 47% dei bambini che si sono sottoposti alla sperimentazione sono stati protetti pertanto si tratta di risultati incoraggianti.

Come ha sottolineato Andrew Witty, amministratore delegato di GSK:

«Questi dati ci portano a un passo dall’avere il primo vaccino malarico del mondo, il che ha il potenziale per migliorare in maniera significativa le prospettive dei bambini che vivono nelle zone malariche endemiche delle regioni intorno all’Africa.»

L’obiettivo è quello di rendere disponibile il vaccino per il 2015, e se l’Organizzazione Mondiale della Sanità darà il via libera allora potrebbe essere la soluzione definitiva per sconfiggere, per sempre, la malaria. Conclude Christopher Elias, presidente e amministratore delegato di Path MVI:

«La nostra missione è fornire un vaccino per i bambini dell’Africa perché le madri possano accompagnare i loro figli dai campi di gioco alle strutture sanitarie per l’immunizzazione. Oggi abbiamo fatto un importante passo avanti verso la realizzazione di questo sogno e di auguriamo di continuare la strada, insieme ai nostri partner, per giungere a un vaccino per i bambini dell’Africa».

Fonte: Guardian.